MONDIALI 2018

Italia

Vedi Tutte
Italia

Spagna-Italia 3-0: Isco e Morata travolgono gli azzurri, Mondiali a rischio

Spagna-Italia 3-0: Isco e Morata travolgono gli azzurri, Mondiali a rischio
© Getty Images

Una doppietta del fantasista e un gol del centravanti affondano la Nazionale di Ventura al 'Bernabeu' in un match decisivo per la qualificazione a Russia 2018

Sullo stesso argomento

di Giuliano De Matteis

sabato 2 settembre 2017 22:39

MADRID – Dal tripudio 'Mundial' dell'82' all'incubo di una Coppa del Mondo senza Italia la prossima estate: 35 anni dopo l'atmosfera è molto diversa al 'Bernabeu' dove la Nazionale esce umiliata dagli 'olé' della marea rossa e la pipa di Pertini e i Tricolori al vento sono un ricordo sbiadito, spento come lo sguardo del presidente federale Tavecchio impietrito sugli spalti al triplice fischio finale. La squadra azzurra viene travolta dalla Spagna - che allunga a +3 in vetta al gruppo G - e sarà costretta ormai quasi sicuramente ad affrontare il playoff per staccare il pass per Russia 2018.

 Alla fine dei conti non hanno pagato le scelte del ct Ventura che ha provato a giocarsela con coraggio (o presunzione?) schierando Candreva e Insigne ai lati di Belotti e Immobile, con De Rossi a fare da diga in mediana accanto a Verratti e due terzini di spinta come Darmian e Spinazzola, mentre al centro della difesa accanto a Bonucci ha puntato sull’usato sicuro scegliendo Barzagli per sostituire l’infortunato Chiellini. Era invece un 4-5-1 all’apparenza molto meno offensivo quello di Julen Lopetegui, che ha lasciato Iniesta libero di agire dietro al ‘falso nueve’ Isco e schierato Asensio e Silva mezzali e Busquets con Koke davanti alla difesa e Ramos a fare coppia con il 'barcelonista' Piqué, fischiatissimo nella casa del Real Madrid.

Spagna-Italia 3-0: le statistiche del match

FURIE ROSSE - Il copione della gara è chiaro fin dalle prime battute, con la Spagna a far girare la palla in cerca di spazi e l’Italia compatta nella propria metà campo pronta ad andare in pressing e a ripartire. Una strategia che richiede però aggressività (più di quella che potevano avere ad esempio un Barzagli 'a chilometro zero' o Spinazzola mai utilizzato in questo inizio di stagione con l'Atalanta) e a farne le spese subito è Verratti, ammonito già al 4’ per un fallo su Busquets e raggiunto al 12’ da Bonucci sul taccuino dell’arbitro. Il fallo del neo milanista su Asensio al limite dell’area costa però caro due volte, perché costringerà il difensore (diffidato) a saltare il prossimo match contro Israele e - soprattutto - perché sulla palla va Isco che con un destro a giro telecomandato supera un incerto Buffon, surriscaldando il 'Bernabeu' già in ebollizione. La strada adesso è ancora più in salita per l’Italia, che prova comunque a reagire e al 22’ manda il primo segnale a un De Gea bravo però a risponde d’istinto all’incornata di Belotti su cross di Darmian. Ma è solo un fuoco di paglia perché la Spagna risponde subito con Piqué - che resta alto dopo un corner e di testa sfiora la traversa (26’) - e prima del riposo (40’) prende il largo con un sinistro chirurgico del fenomenale Isco, lasciato libero di colpire al limite dell’area. Unico rimpianto azzurro un fuorigioco inesistente fischiato alla mezz’ora su Belotti lanciato a rete da un lancio di De Rossi. Si va al riposo con due reti sul groppone e l’impressione che i due soli mediani azzurri non possano bastare, circondati dalle maglie rosse dei giocolieri iberici e poco assistiti da un Insigne in difficoltà a coprire tutta la fascia e un Candreva monocorde.

Spagna-Italia, quanti fischi per Piqué al 'Bernabeu'

SPROFONDO AZZURRO - Dopo l'intervallo si riprende senza cambi ed è proprio Candreva a ciccare clamorosamente una ghiotta palla che gli capita sul destro dopo uno spunto di Immobile. Non è poi migliore la mira di Belotti che al 53' non inquadra la porta di testa a due metri dalla porta, ma la sensazione è che l'Italia - al di là degli sforzi per riaprire il match - si affidi all'improvvisazione a differenza di una Spagna che chiede invece ai suoi assi di recitare un copione mandato giù a memoria. Lasciati gli azzurri liberi di sfogarsi per un po' le 'Furie Rosse' riprendono così presto in mano il comando della partita, annichilendo l'Italia con il possesso palla e numeri di alta scuola come il tunnel su Verratti ad opera di Isco (68'), che poi manda al tiro Carvajal a cui sbarra però la strada Buffon. Ventura prova a cambiare l'inerzia della sfida mandando in campo Eder e Bernardeschi al posto di Belotti e Candreva (70') e Lopetegui risponde inserendo Morata per Iniesta, salutato dall'ovazione del 'Bernabeu' a differenza dell'altro 'blaugrana' Piqué.

Un cambio che si rivela azzeccato perché è proprio il nuovo centravanti del Chelsea a calare il tris dopo aver tagliato come il burro la difesa azzurra in combinazione con l'arrembante Sergio Ramos. Nel finale c'è spazio anche per Saul Niguez e Gabbiadini (dentro al 78' al posto di Asensio e di Immobile) e tempo ancora per un destro di Insigne parato da De Gea e un gol annulalto a Morata per fuorigioco. Il sipario cala definitivamente al 90', quando il 35enne Villa dà il cambio a Isco che esce dal campo con due reti nel bottino e la Spagna ai suoi piedi. Gli stessi piedi con cui ha calpestato un'Italia che ora non dovrà perdere la testa e difendere il secondo posto, a partire dalla sfida di martedì contro Israele.

Qualificazioni Mondiali: le classifiche

Articoli correlati

Commenti