De Stefano esclusiva: "Vi portiamo a casa le stelle. E persino un sorriso"

Parla la direttrice di RaiSport: "Spiace per l’Italia, ma il Mondiale è servizio pubblico. Polemiche sterili: racconteremo tutto, puntiamo sulla leggerezza"
De Stefano esclusiva: "Vi portiamo a casa le stelle. E persino un sorriso"© LAPRESSE
6 min
Marco Evangelisti

Alessandra De Stefano, lei è direttore, direttora o direttrice di Rai Sport?
«Direttore va benissimo. Figuriamoci se m’interessano queste cose».

A qualcuno interessano ed è giusto chiedere. In fondo, lei è la prima donna a occupare quel posto. Ma capiamo che sia concentrata su altro. 
«Quando seguivo il ciclismo, non c’erano ragazze al traguardo delle corse. Ora è pieno. La storia va avanti. Spero soltanto che il secondo anno di direzione non somigli al primo».

Compiuto proprio due giorni fa. Perché non le è piaciuto? 
«Dire un no è faticosissimo. Tutti la prendono sul personale. Dici no e diventi cattivo. Pazienza. È difficile accettare il cambiamento e pure il tentativo del cambiamento».

Che cosa andava cambiato a Rai Sport? 
«Abbiamo pochissimi giovani. I giovani creano mentalità e voglia di fare. Poi ci sono gli eterni giovani come Donatella Scarnati, che va fermata altrimenti va di persona alle conferenze stampa. Inoltre abbiamo un problema di risorse, di proposte, di identità». 

Cerimonia Mondiali Qatar: dove vederla in tv, orario e programma
 
La Rai paga anche l’immagine istituzionale che si porta dietro. 
«Dobbiamo trattare certi argomenti, ma perché considerarli un peso? La cultura è bellissima. Tutto dipende dal tocco. È come nel calcio. Un tocco di palla leggero non è un tocco di palla sbagliato, anzi, può cambiare la partita».

Eccoci arrivati al calcio. Adesso ha da gestire questo giocattolino del Mondiale, costato 180 milioni più la spedizione. 
«Per la precisione 174 milioni. La spedizione è di diciotto colleghi, tra cui quattro donne. E in tutto mandiamo meno di ottanta persone. Quando produci una prima serata non è che bastino Antinelli, Adani, Rimedio e Di Gennaro. C’è dietro un lavoro enorme. Dobbiamo commentare 64 partite con quattro telecronisti». 
 
E perché l’utente medio dovrebbe vedere 64 partite in cui non c’è mai l’Italia? 
«Per il semplice fatto che in Qatar avremo il calcio migliore del mondo. Se è così, non t’interessa quale Paese te lo sta offrendo. Solo lì puoi vedere, che so, Argentina-Brasile 4-3 e quelle tattiche, quei movimenti, quel gioco bello. Chiaro, senza l’Italia siamo tutti più tristi. Avremo Roberto Mancini ospite a “Il circolo dei Mondiali” e ovviamente gli chiederemo: che cosa è successo tra la vittoria dell’Europeo a luglio e questo, da Londra a Palermo? Ma non in toni solenni o inquisitori». 

I diritti umani, le vittime nei cantieri, l’informazione edulcorata: non è un Mondiale allegro. 
«Trovo sterili queste polemiche. Ipocrite, addirittura. Che senso ha lamentarsi qui e ora? Non si doveva assegnare il Mondiale al Qatar. Adesso il torneo c’è e non possiamo fingere il contrario. E la gente il calcio lo guarderà. Ne sono certa, visto che un’amichevole dell’Italia ha sfiorato il 22% di ascolti». 

Stadi Mondiali 2022, tutto sugli otto incredibili impianti in Qatar
Guarda la gallery
Stadi Mondiali 2022, tutto sugli otto incredibili impianti in Qatar

 
Vi siete posti un obiettivo minimo? 
«Io credo che la Rai abbia compiuto una scelta di generosità. Per esempio, le Olimpiadi vanno in perdita per qualsiasi televisione. Ma sono servizio pubblico. Senza abbonamento non si possono vedere Mbappé, Ronaldo, Messi, Neymar. Per un mese, invece, chiunque potrà vederli. Avevamo in mente un fantastico show con l’Italia protagonista. È andata diversamente. Non per questo era lecito tirarsi indietro». 
 
Bisognerà pure attirare il pubblico potenziale. 
«In questo periodo sono state fermate tutte le fiction, quindi non c’è controprogrammazione. In estate avremmo studiato un altro approccio. Abbiamo quattro partite al giorno a riempire gli spazi. E il torneo sarà dappertutto: nei telegiornali, noi a fine serata con Il circolo dei Mondiali, le trasmissioni di approfondimento che di certo dedicheranno spazi al calcio, RaiPlay a getto continuo con contenuti inediti». 

La top 10 dei calciatori più costosi assenti dai Mondiali: due gli italiani
Guarda la gallery
La top 10 dei calciatori più costosi assenti dai Mondiali: due gli italiani

Avrete anche l’occasione di raccontare una cultura diversa. 
«Non sconfiggeremo i pregiudizi in trenta giorni. Della questione dei diritti umani dovremmo occuparci sempre. Non è il Mondiale a cambiare la situazione. Inseguiremo tutte le storie parallele: abbiamo trovato la Nazionale delle badanti, rintracciato i parenti di Messi. Calcio e attualità, attraverso un canovaccio che reinventeremo ogni sera». 

 È un cambio di rotta della Rai sui grandi eventi? 
«Purtroppo i budget ti costringono a scegliere e quando scegli qualcuno resta scontento. Restiamo la Tv europea che trasmette più sport in chiaro». 
 
Personalmente, come vive questa esperienza? 
«Con la convizione che nella vita bisogna buttarsi. Sorridendo. Al Circolo dei Mondiali abbiamo sdoganato anche la voglia di mangiare un cioccolatino in diretta. So che tanti ragazzi si sono divertiti e si divertiranno a guardarci. Non perdiamo quest’abitudine di sorridere di noi stessi. Poco gradita nel mondo di oggi, forse. Ma io non intendo formattarmi. È calcio, è sport. Restiamo leggeri».

Wenger: "Italia fuori dai Mondiali? Colpa dei club di Serie A"
Guarda il video
Wenger: "Italia fuori dai Mondiali? Colpa dei club di Serie A"


Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Commenti