La Cina e il suo Pelé sono spariti

.
La Cina e il suo Pelé sono spariti
3 min
Italo Cucci
TagsMondialiCinapelé

Nelle ore trionfali della Ricchezza, della Potenza e dell’Esotismo esaltati dal Qatar nessuno - credo - ha fatto un pensiero ai grandi assenti: non dico ai russi, castigati, ma ai cinesi. Falliti. L’Europa è al gran completo - esclusa l’Italia, in castigo a modo suo - ci sono, fra i potenti, Stati Uniti e Brasile, la Cina neanche rammentata. Eppure, se c’è un Paese che ha investito miliardi nel calcio e nella sua quasi ignota cultura, allestendo un campionato mirabolante con i più grandi panchinari (dico per tutti Lippi e Capello, l’espertissimo e il pentito) e decine di campioni più o meno pensionati ma ancor validi, è proprio la Cina, presente fin in Italia con l’Inter che ha sempre affascinato il Mondo di Mao. È sparita tecnicamente, economicamente e fisicamente, forse punita da Xi Jinping - il Grande Appassionato che voleva gloria e potere anche dal pallone - improvvisamente votato all’austerità.

Ho vissuto fin dai primi vagiti il neonato calcio cinese, viaggiando nel 1981 fra Pechino, Shanghai e Canton, rispondendo all’invito del leader calcistico di quel tempo, il signor Cheng Chenda, sollecitato dal Leader Massimo, Den Xiaoping, primo presidente dopo la Rivoluzione Culturale vagamente liberale e appassionato del football già presente a Hong Kong e nei venti milioni di televisori improvvisamente comparsi. Volevano esser presenti a Spagna ’ 82, furono cacciati nelle qualificazioni dalla Nuova Zelanda. Il resto è storia, con il capitolo mondiale di Corea-Giappone 2002, quando feci visita al vecchio amico Bora Milutinovic, nell’isola di Jeju, protetto da soldati e generali, all’esordio Mondiale: lo rovinò il Costa Rica (m’è tornata in mente la nostra cacciata da Brasile 2014).

Oggi la Cina mi induce a recuperare una storia particolare che si lega anche al particolare caso di Cristiano Ronaldo, a mia memoria (se sbaglio gli statistici mi correggeranno) il primo giocatore che partecipa a un Mondiale senza avere una squadra. A Shanghai chiesi notizie di tale Rong Zhihang, detto “il Pelé della Cina” perché in una partita fra la sua nazionale e il Cosmos aveva fatto un tunnel a O’ Rey che gli aveva regalato la sua maglia (episodio già successo - e visto in diretta - a Toronto, nel ’ 71, Bologna-Santos, Pelé che insegue Pasqualini per regalargli la sua maglia perché Mauro gli aveva fatto un tunnel). Dunque Rong Zihang dopo quel fatto - e dopo un bellissimo gol in rovesciata allo Zaire - era diventato famosissimo, un Dio, e la Federazione aveva deciso di “ritirarlo” dal Guandlong e tenerlo a disposizione solo per la nazionale. Una fesseria, naturalmente. E infatti quando chiesi di incontrarlo mi dissero che era difficile, quasi impossibile, era troppo impegnato, forse anche troppo ricco. Come Ronaldo, appunto.


Acquista ora il tuo biglietto! Vivi la partita direttamente allo stadio.

Commenti