Corriere dello Sport

Moviola

Vedi Tutte
Moviola

Napoli, fallo di Albiol su Bizzarri: ecco perché il rigore è stato revocato

Napoli, fallo di Albiol su Bizzarri: ecco perché il rigore è stato revocato
© Getty Images

Situazione estremamente complicata all'Adriatico: perché non c’è una verità assoluta. Ranocchia graziato, era da espulsione. Brutto intervento su Meggiorini con il piede a martello

Sullo stesso argomento

di Edmondo Pinna

lunedì 22 agosto 2016 08:57

ROMA - Ecco i principali casi da moviola delle sfide della prima giornata di Serie A.

GIACOMELLI
Pescara-Napoli 2-2

Tutto ruota attorno al rigore concesso da Giacomelli e poi revocato dopo un consulto con l’addizionale Rocchi sul 2-2. Situazione estremamente complicata. Perché non c’è una verità assoluta. Un paio di considerazioni, in ordine cronologico: a) c’è subito un contatto di Albiol sulla gamba di Bizzarri mentre quest’ultimo respinge il pallone, contatto che l’addizionale Rocchi ha considerato, non proprio in maniera astrusa, falloso, visto che nella propria area il portiere non può essere tocato; b) Zuparic sembra sfiorare con il piede Zielinski pur intervenendo con la gamba altissima (l’avesse preso con i tacchetti lo avrebbe sfregiato), lo scontro vero e proprio arriva dopo, il rigore - anche qui, non sarebbe stato astruso - non sarebbe stato chiarissimo. E c’erano gli spazzi anche per un calcio di punizione indiretto (“a due”) in area. I giocatori del Napoli hanno accettato la decisione arbitrale senza protestare, anche questo ha il suo peso. Ancora: Mertens protesta, ma è stato lui a commettere fallo: Bizzarri ha la mano ben sopra il pallone quando glielo porta via e poi cade in area, l’angolo è un errore di Giacomelli. Timida protesta del Napoli: Insigne entra in contatto con Zampano, non sembrano esserci falli da giustificare il rigore.

FOTO, IL CONTATTO IN AREA ZIELINSKI-ZUPARIC



DAMATO
Milan-Torino 3-2

Manca un rigore su Moretti
Non pulitissima la partita di Damato, abbastanza complicata. In sintesi: c’era un rigore per il Torino a fine primo tempo, sul penalty dato (parleremo pii delle trattenute Paletta- Belotti) si perde un fallo di Moretti su Poli. E il gomito largo di Luiz Adriano su Molinaro, poco prima, andava sanzionato. Primo episodio: C’è un contatto fra Kucka e Moretti, il granata se la rischia mettendo un braccio da dietro sul petto dell’avversario, ma non ci sono trattenute determinanti. Abbraccio di Paletta a Moretti, il difensore rossonero perde il tempo, si trova tagliato fuori, si arrangia buttandosi sull’avversario: avesse fischiato il rigore, Damato, non lo aiuta anche lo “scarico” Celi. Corretto il penalty dato al Milan: Obi travolge Bonaventura senza prendere il pallone. Manca un cartellino (almeno giallo?) a Luiz Adriano che allarga molto il braccio sinistro, colpendo al volto Molinaro. Sul rigore dato al Torino, Paletta (già ammonito, poi espulso) e Belotti si trattengono ancor prima che parta il cross, poi il granata prende il vantaggio, il difensore di Montella lo tira giù. Piuttosto, l’azione andava fermata prima perché Moretti appoggia le braccia sulle spalle di Poli prima dell’assist, Damato avrebbe dovuto fischiare questo fallo.

BANTI
Atalanta-Lazio 3-4

Toloi, gol annullato: ok
Corretto annullare il gol di Toloi: al momento del tiro sporco di Paloschi, era in fuorigioco, oltre Lukaku ultimo difensore biancoceleste. Regolare il secondo gol di Kessie: al momento del tiro di Kurtic, respinto malamente da Marchetti, l’unico in posizione sospetta è Paloschi (se è oltre Lukaku è per una questione di centimetri), non l’autore del gol. Ok anche la rete del 3-4 di Petagna: sul tiro di Conti, tutti i nerazzurri sono tenuti in gioco da Wallace. Momenti d’ansia per l’assistente Alassio, che ha avvertito un dolore al petto ed è stato portato fuori in barella.

GAVILLUCCI
Bologna-Crotone 1-0

Era regolare il gol di Krejci
Diverse cose da rivedere, sempre protagonista l’assistente numero uno, De Pinto. Corretto annullare il gol di Destro: sul tiro di Nagy, parato da Cordaz, l’attaccante rossoblù è oltre Sampirisi. Sbagliato, invece, annullare la rete di Krejci: sul lancio di Pulgar, è tenuto in gioco da Sampirisi. Buona chiamata, invece, sul rigore che Gavillucci aveva assegnato per fallo di Cordaz su Verdi: De Pinto vede il tocco di Taider che mette l’ex Roma in posizione di fuorigioco.

IRRATI
Chievo-Inter 2-0

D’Ambrosio, giallo eccessivo
Parte male quello che probabilmente è stato davvero il miglior arbitro “giovane” della scorsa stagione. L’entrata di Ranocchia ai danni di Meggiorini (piede a martello sulla parte alta della collo del piede) era da espulsione, non è arrivata neanche la punizione. Fra l’altro, Ranocchia commette almeno altri tre falli, restando impunito, mentre un pestone, forse più di gioco, di D’Ambrosio a Hetemaj diventa meritevole di ammonizione. Spinta di Radovanovic su Eder al limite dell’area: nulla.

MARIANI
Empoli-Sampdoria 0-1

Maccarone, giusto il rosso
Gara nervosa, Mariani deve usare i cartellini. Occasione per Pucciarelli, ma parte con un piede in off side, non visto. Nel finale di partita, sale la tensione: arriva il rosso per Maccarone, brutta l’entrata ai danni di Barreto. Solo giallo per Saponara, l’entrata in ritardo su Quagliarella poteva essere da... arancione.

ORSATO
Genoa-Cagliari 3-1

Capuano su Laxalt: rischio
(Ri)comincia con piglio Orsato, al top la scorsa stagione. Subito gialli a Inita (su Rincon) e a Izzo (duro su Sau). Perdona Murru che disturba il rinvio di Lamanna, non Burdisso (a forbice su Borriello) e lo stesso Borriello (che reagisce a Izzo che gli diceva di alzarsi). Capuano rischia grosso, mettendo una mano addosso a Laxalt che era entrato veloce in area. Cartellini anche nella ripresa: Munari entra duro su Rincon, corretto il giallo, mentre lo trova Rigoni per essersi tolto la maglia dopo la rete.

PAIRETTO
Palermo-Sassuolo 0-1

C’è il rigore su Defrel
Prima da “promosso” in A per Pairetto, corretto dare il rigore al Sassuolo: Rajkovic travolge Defrel che aveva intercettato il pallone tirato da Berardi. Fra l’altro, nell’occasione, lo stesso Defrel è tenuto in gioco da Aleesam, dunque corretto far proseguire l’azione. Rajkovic sarà poi espulso nel finale per doppio giallo dopo un fallo su Falcinelli.

Articoli correlati

Commenti