Corriere dello Sport

Moviola

Vedi Tutte
Moviola

Moviola serie A, su Inglese non c’è rigore. Paletta fa fallo, arriva l’1-2

Moviola serie A, su Inglese non c’è rigore. Paletta fa fallo, arriva l’1-2
© ANSA

In Fiorentina-Atalanta manca un rosso per Dramè. Lazio-Bologna, Masina-Wallace non era rigore

di Edmondo Pinna

lunedì 17 ottobre 2016 09:08

ROMA - Ecco tutti gli episodi da moviola, partita per partita, dell'ottava giornata di campionato.

DAMATO
FIORENTINA-ATALANTA 0-0
Manca anche il rosso per Dramè

Diverse le sbavature per Damato. Fuorigioco di Babacar, servito da Kalinic, in realtà l’attaccante parte in posizione nettamente regolare. Rischia Sanchez su Kurtic in area viola, ma l’atalantino allarga la gamba destra a cercare il contatto ed è già predisposto alla caduta. Babacar protesta per un tocco di mano di Caldara: netta, appena fuori area, manca la punizione. Dramé colpisce con la coscia Borja Valero da dietro, Damato applica un giusto vantaggio, ma poi dimentica il cartellino giallo: sarebbe stato il secondo, manca l’espulsione di Dramé.

PAIRETTO
GENOA-EMPOLI 0-0
Lazovic-rosso ok, Rigoni off side

Gara estremamente complicata, sul filo dei nervi, scorbutica per Pairetto: le decisioni che deve prendere sono tutte al limite. Annullato un gol a Rigoni per fuorigioco: al momento del tocco di Simenone, sembra in effetti di un pelo oltre. Giuste le due ammonizioni per Lazovic, espulso: trattiene Saponara prima e Pasqual poi. Sbracciata bassa (chiamarla gomitata è un’esagerazione) di Bellusci su Simeone fuori area: manca punizione e giallo. Allontanato Juric, che perde letteralmente la testa per un fallo (che c’è) di Ninkovic su Bellusci.

VALERI
INTER-CAGLIARI 1-2
Joao Mario, gol regolare

Ci sono due partite da analizzare: i due episodi in area del Cagliari, competenza accertata di Rizzoli sul rigore e dell’assistente Longo (ma pure qui Rizzoli li aveva davanti) sul tocco di braccio di Murru (i due Var, Tagliavento e Guida, avranno prso appunti); il resto della partita, diretta da Valeri con grande serenità e corretta capacità decisionale (e gli episodi non sono stati pochi). Cross di Andalsi, dentro l’area Murru sembra vole intervenire di testa ma ha il braccio sinistro largo e colpisce il pallone all’altezza del gomito. Era rigore. Bruno Alves ha il braccio già teso per “sentire” Icardi, non ci sono spinte (se non un minimo movimento), è piuttosto l’attaccante che sembra sbilanciarsi all’indietro. Rizzoli suggerisce il rigore (che Valeri non aveva dato) che arriva dopo 12”: con questo metro, basterebbe prendere un qualsiasi angolo in una qualsiasi partita della nostra serie A e fischiare penalty, visto quello che succede. Annullato un gol a Piscane: corretto, in off side, oltre Mirandoa sul tiro di Sau. Regolare il gol di Joao Mario: Storari, che respinge malamente, non ha ancora la mano sopra il pallone (dunque il possesso) quando arriva il tocco del nerazzurro. Ok il gol di Merchiorri: sul cross di Di Gennaro, è tenuto in gioco da Ansaldi, il tocco successivo è di Murillo e non di Borriello. Tocco di Perisic, Bruno Alves con la mano destra ma la sta portando a terra per attutire la caduta, dritta per dritta e non larga, corretto non dare il rigore. L’Inter protesta per un contatto fra Pisacane e Jovetic nel recupero: bravo Valeri a considerarlo nello spirito del gioco.

DI BELLO
LAZIO-BOLOGNA 1-1
Masina-Wallace: non era rigore

Non bene di Bello, al di là dell’episodio del rigore nell’ultimo secondo della partita. Partiamo da questo: Masina, più di Oikonomou, il giocatore che s’avvicina più al piede sinistro di Wallace, c’è forse anche un contatto (minimo) con il piede destro di Masina (che prende anche il pallone), ma non sembra esserci fallo. Gli altri episodi: ok il gol di Helander, tenuto in gioco da De Vrij, in off side non punibile Masina. Masina, appena ammonito, trattiene Felipe Anderson, manca il secondo giallo. La GLT conferma: non c’è autogol di Pulgar, il pallone non ha varcato completamente la linea.

MASSA
SASSUOLO-CROTONE 2-1
Penalty su Pellegrini e Falcinelli

Non pulita la partita di Massa. Manca probabilment eun rigore per parte: è fallo la trattonata di Ferrari su Pellegrini, così come l’entrata da dietro di Peluso su Falcinelli nell’occasione della traversa. Tiro di Acerbi, Caiton Dos Santos ha il braccio destro attaccato al corpo: ok, non è rigore. Così come non è rigore il contatto fra Tonev e Peluso.

ROCCHI
CHIEVO-MILAN 1-3
Cacciatore, forbice da arancione

C’è Calvarese, addizionale sabato sera a Torino, come Var in un van fuori il Bentegodi. Non sarebbe servito. Altra buona partita per Rocchi, utilizzato poco dai vertici dell’Aia. Negli episodi valuta bene. Non c’è rigore su Inglese: Romagnoli tocca con la punta del piede destro il pallone, siamo proprio sulla linea dell’area. Dainelli rischia su Lapadula, braccia sul corpo, ma contatto lieve e in corsa, con il pallone di Suso che arriva in area. C’è la punizione che porta all’1-2: Paletta trattiene per una spalla Floro Flores. Cacciatore a forbice su Bonaventura: arriva il cartellino giallo, gli va di lusso, poteva starci... l’arancione.

Articoli correlati

Commenti