Bologna-Roma, rigore su Palacio e rosso sbagliato: male Calvarese

Tutti gli episodi arbitrali della giornata di Serie A nel dettaglio. Bene La Penna, Pasqua e Fourneau
Bologna-Roma, rigore su Palacio e rosso sbagliato: male Calvarese© LAPRESSE

Milan-Parma 2-2: Fourneau attento

Fourneau (6,5): braccio di Osorio, non c’è rigore
Superata la prova San Siro (alla prima con Il Milan): l’ex calciatore (sarà per questo che “vede” la partita in maniera diversa, più specifica e completa?) Francesco Fourneau la porta a casa senza grandi sbavature (forse qualcosa dal punto di vista disciplinare, manca un giallo chiaro a Cornelius ad esempio), accettato dai giocatori in campo, grande calma nonostante la giovane età (soprattutto di... militanza). Ha fischiato 26 falli e ammonito 6 giocatori.

NO RIGORE Pur senza dare in escandescenza, protesta Kessie per un tocco con il braccio di Osorio su una sua incursione: il pallone sbatte sul braccio destro che però il giocatore gialloblù riesce a portare al corpo pur essendo in caduta, poi forse sbatte anche sul volto. Insomma, non punibile, fa bene Fourneau a far proseguire.

MILLIMETRICO E’ il VAR (Banti) a far annullare la rete di Castillejo: al momento del colpo di tacco di Diaz, dopo il cross di Hernandez, l’esterno rossonero è appena oltre il piede destro di Gagliolo, dunque in fuorigioco, impossibile da vedere per l’assistente Valeriani.

VAR: Banti 6,5 Attento sulla valutazione del fuorigioco di Castillejo.

Inter, il piano B di Conte: ecco la formazione
Guarda la gallery
Inter, il piano B di Conte: ecco la formazione

Cagliari-Inter 1-3: Pasqua convince

Pasqua (7): regolare la rete del pareggio
Partita decisamente positiva per Fabrizio Pasqua, alla quinta partita in A stagionale (ne ha anche una in serie B). La speranza è che il match di Cagliari possa segnare la svolta e restituirgli quella fiducia che sembra aver smarrito e che lo penalizza. Nessun episodio particolare, soglia del fallo molto alta (lo dimostra il contatto fra Brozovic e Joao Pedro al limite dell’area dell’Inter ad inizio partita sul quale l’arbitro di Tivoli ha lasciato correre). Chiude la partita con 28 falli fischiati e tre cartellini gialli, tutti corretti.

REGOLARE Nessun dubbio sul gol di Barella che ha rimesso in partita l’Inter: sull’uscita di Cragno, non c’è alcun disturbo che possa far pensare ad un’azione fallosa, poi arriva il tiro al volo dell’ex rossoblù.

DISCIPLINARE Tre gialli, come detto: ammonito Faragò per aver fermato in ripartenza Perisic, Darmian per l’entrata dura su Sottil e Pavoletti per un contatto in ritardo su Bastoni che lo aveva anticipato.

VAR: Doveri 6 Una tranquilla domenica di relax, dopo lo stress... elettorale.

Gattuso con la benda sull’occhio in Napoli-Sampdoria
Guarda la gallery
Gattuso con la benda sull’occhio in Napoli-Sampdoria

Napoli-Samp 2-1: La Penna cresce

La Penna (7): 7ª gara su 10. Ok i primi due gol
Se è alla settima partita in serie A su 10 giornate un motivo ci sarà: dimostra tutta la sua convinzione e forza Federico La Penna, la sua crescita continua ed è costante, meritando la fiducia della commissione. Partita positiva anche a Napoli (avrebbe dovuto arbitrare Udinese-Atalanta la scorsa settimana, rinviata per pioggia), chiude con 20 falli fischiati e 7 ammoniti, dei quali tre di fila (Insigne, Ramirez e Mario Rui). Nessun episodio particolarmente scabroso, dimostra sicurezza, autorevolezza, è accettato dai giocatori.

REGOLARE Ok la rete di Jankto: al momento dell’assist di Verre, lo tiene in gioco Di Lorenzo. Ok anche la rete del pareggio di Lozano: l’azione nasce da un contrasto di gioco e non falloso fra Insigne e Candreva (che va giù con troppa disinvoltura), poi il messicano è tenuto in gioco da Colley.

ISTINTO Nel tentativo di liberare in rovesciata l’area, Koulibaly colpisce male il pallone, ne nasce un retropassaggio per Meret che non è punibile.

VAR: Nasca 6 Praticamente le funzioni di un notaio.

Genoa-Juve 1-3: Di Bello, rigori giusti

Di Bello (6,5): giusti i due rigori dati. Annullati 3 gol:ok
La giornata delle reti annullate, tre anche a Genova. Nel complesso non dispiace Di Bello, che ha aumentato le sue partite-sì (ma quando incappa nella giornata no, son dolori): la partita la finisce con 28 falli fischiati e sei giocatori ammoniti. Due i rigori fischiati contro il Genoa (davvero messo male), entrambi poco discutibili.

RIGORE/1 Molto ingenuo Rovella, quando affronta Cuadrado, abbocca alla finta e va con la gamba a cercare il pallone che il colombiano nasconde e protegge alla perfezione: contatto netto, inevitabile il fischio di Di Bello.

RIGORE/2 Fallo di Perin ai danni di Morata, il portiere rossoblù esce alla disperata, travolge l’attaccante bianconero, il fatto che nel rimpallo tocchi il pallone non lo salva.

ANNULLATI Tre gol annullati: il primo per tocco di braccio di Rabiot (ammonito), gli altri per offside di Ronaldo (sul primo passaggio di Chiesa) e Dybala (oltre la linea del pallone)

VAR: Valeri 6 Controlla e conferma: facile.

Atalanta, vittoria con Gomez e Ilicic in panchina: 3-0 alla Fiorentina
Guarda la gallery
Atalanta, vittoria con Gomez e Ilicic in panchina: 3-0 alla Fiorentina

Atalanta-Fiorentina: 3-0. Mariani, zero casi

Mariani (6,5): dubbi sulla rete di Gosens
Nessun problema particolare per l’internazionale Maurizio Mariani, alla quinta partita in serie A stagionale, l’11ª in totale (ne ha quattro fra qualificazioni e fase a gruppi dell’Europa League e due di Nations League B). C’è solo un’ombra sul primo gol dell’Atalanta,quello di Gosens. Chiude la partita con solo tre giocatori ammoniti ma ben 30 falli fischiati.

DUE DUBBI Non sappiamo se siano come gli indizi, più aumentano più fanno una prova, ma certo è che la prima rete dell’Atalanta si porta appresso due dubbi grossi: l’azione nasce con un rimpallo fra Milenkovic e Gosens, il giocatore di Gasperini tocca il pallone con il braccio sinistro, avesse segnato nell’immediatezza lo avrebbero annullato. Il pallone, invece, arriva a Zapata che assesta due spallate al limite, soprattutto la prima con Venuti più che quella con Pezzella.

VAR: Giacomelli 6 Controlla che Biraghi colpisca con la coscia e non col braccio su tiro di Hateboer: non è rigore, avanti andare.

Bologna-Roma 1-5: male Calvarese

Calvarese (5): rigore su Palacio e rosso sbagliato
In una partita chiusa dopo 15’, Calvarese conferma il suo momento di rottura prolungata postderoga: non vede un rigore clamoroso (raccomandiamo caldamente Chiffi al Var), espelle con troppa fretta Dominguez (e qui il Var, in parte, si riscatta). I suoi numeri: 23 falli e 6 ammoniti.

RIGORE Entrata da dietro di Ibañez su Palacio, non prende il pallone (pur cercato, nel caso giallo e non rosso) ma butta giù l’avversario: rigore netto, né Calvarese né soprattutto Chiffi al Var se ne avvedono.

MAI ROSSO Dominguez su Villar, intervento molto duro, scomposto ma né cattivo né pericoloso. Calvarese estrae il rosso, forse vede un piede a martello, al monitor si ravvede.

POKER Quattro gol annullati: in offside Spinazzola (oltre Tomiyasu), Barrow (su assist di Soriano), Palacio (millimetrico), Pellegrini (più netto).

REGOLARI Regolare la rete dello 0-1 (nessun contato falloso fra Dzeko e Poli), lo 0-2 (Mbaye e Danilo tengono in gioco Dzeko su assist di Pellegrini) e lo 0-3 (Pellegrini tenuto in gioco da Mbaye e Tomiyasu, in offside non punibile Dzeko).

VAR: Chiffi 5,5 Grave l’errore su Palacio.

Corriere dello Sport in abbonamento

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti