Primavera, Yayi Mpie castiga il Milan: la Sampdoria è seconda

Sfida sempre in bilico, la squadra di Giunti chiude con l'uomo in meno. I blucerchiati di Tufano toccano quota 20 punti, rossoneri fermi a 15
Primavera, Yayi Mpie castiga il Milan: la Sampdoria è seconda© LaPresse
TagsprimaveragiuntiTufano

GENOVA - Tra Sampdoria Primavera e Milan prevalgono i padroni di casa: al Mugnaini decide la rete a un quarto d'ora dalla fine di Yayi Mpie.

L'equilibrio la fa da padrone

Tempo dieci minuti e il Milan spaventa i padroni di casa: Nastic strappa il pallone alla difesa doriana e s'invola verso la porta, cade in area ma l'arbitro concede il vantaggio e non il rigore. Il pallino del gioco è dei ragazzi di Giunti, mentre i blucerchiati pressano a più non possono per recuperare il pallone. E' il 27' quando la Samp va vicinissima al vantaggio: Giordano mette un cross perfetto a centro area, ma priva che qualche compagno spinga la palla in porta Obaretin s'immola e spazza via. Il primo tempo si chiude senza sussulti particolari.

Tufano azzecca i cambi: Yayi Mpie match-winner

Inizia la ripresa e Olzer è sempre ingabbiato nelle maglie della difesa geneovese, che si chiude molto bassa e concede pochissimo al talentuoso attaccante rossonero. Al 69' proprio Olzer sulla trequarti riceve il pallone innesca El Hilali in profondità: il tiro della punta è da dimenticare, ma Saio deve comunque metterci una pezza. I rossoneri finiscono in dieci uomini quando Cretti si perde l'uomo in marcatura e lo stende: fallo da ultimo uomo e rosso. In superiorità numerica, la Doria passa in vantaggio: Yayi Mpie si butta su di un cross tagliente dalla sinistra, stoppa e fredda Moleri. L'assalto finale del Milan non viene premiato: l'esterno destro di Tonin non gira quanto dovrebbe e si perde sul fondo.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti