Corriere dello Sport

Serie A

Vedi Tutte
Serie A

Juventus-Chievo 1-1: Dybala salva Allegri

Juventus-Chievo 1-1: Dybala salva Allegri
© Getty Images

Hetemaj porta subito avanti gli ospiti, a 7' dalla fine pari bianconero su rigore, contestatissimo. Annullato a Cesar il gol del possibile 2-0

Sullo stesso argomento

di Vladimiro Cotugno

sabato 12 settembre 2015 21:04

TORINO - Un miracolo di Buffon, un gol annullato che poteva significare la terza sconfitta consecutiva e un rigore contestatissimo per il gol del definitivo 1-1 che salva la Juve di Allegri da un'altro, clamoroso ko: il Chievo sfiora il colpaccio a Torino e si infuria con l'arbitro Guida per il 2-0 di Cesar non convalidato e per il penalty generoso accordato a una Juventus sull'orlo del ko che alla fine da provinciale ferma la marcia della capolista veneta, ora a sette punti insieme alla Roma. Per i bianconeri arriva il primo punto di un campionato che continua ad annunciarsi difficilissimo.

HETEMAJ GELA LO STADIUM - Allegri sceglie di tenere fuori Pogba, preferendogli Sturaro. Torna Marchisio in regia, partono titolari Alex Sandro a sinistra e Hernanes dietro a Morata e Dybala. Passano pochi minuti e la partita si sblocca, ma a passare è...La capolista: il cross è di Birsa che cerca Meggiorini, la palla viene deviata da Barzagli e finisce sulla corsa di Hetemaj che si coordina e dal limite dell'area lascia partire un gran destro a uscire che supera Buffon e si infila in porta per il vantaggio del Chievo. 

LA JUVE NON PASSA. E ARRIVANO I FISCHI - Il gol a freddo si abbatte sul morale bianconero, Allegri richiama alla calma e al gioco per cercare il pareggio: ci provano Hernanes e Pereyra, con Bizzarri a respingere la conclusione del brasiliano e a guardare uscire i due tentativi dell'altro avversario. Al ventesimo è Dybala che manda alto di sinistro, le occasioni fioccano ma non c'è precisione e il Chievo continua a mantenere il controllo del risultato. Alex Sandro spinge sulla sinistra ma spreca allungandosi troppo il pallone, Sturaro di testa non trova la porta: all'intervallo il risultato è clamoroso, con i primi fischi che arrivano dallo stadio orfano della Curva Sud, squalificata e desolatamente vuota.

FUORI MARCHISIO. MEGGIORINI E PEREYRA: PALO - Si riparte con una mossa a sorpresa di Allegri: entra Pogba e lo fa al posto di Marchisio, Hernanes regista davanti alla difesa e Pereyra va a fare il trequartista. Il protagonista però è Buffon che al 7' salva i suoi dal possibile colpo del ko, spingendo d'istinto sul palo una conclusione a botta sicura di Meggiorini dall'interno dell'area piccola. La reazione Juve è sul destro di Pereyra che sorprende Bizzarri, salvato dal palo e dall'errore di Pogba che sulla ribattuta a porta vuota manda addosso a un difensore prima dell'ultimo tentativo, alto, di Dybala.

POGBA CHIEDE IL PENALTY. CESAR, 2-0 ANNULLATO - Altri due episodi infiammano la gara: Pogba chiede il rigore per la trattenuta di Dainelli, appena entrato al posto di Gamberini, Cesar dall'altra parte insacca il 2-0 ma Guida annulla per una trattenuta del difensore su Bonucci: le immagini mostrano la scorrettezza anche dello juventino nel trattenere l'avversario. Allegri si gioca anche la carta Cuadrado, dentro per Sturaro, Maran si copre con Pinzi al posto di Meggiorini: il colombiano ha sul sinistro il gol del pari ma in area si perde in un dribbling di troppo permettendo alla difesa di spazzare.

DYBALA, IL PENALTY DELLA RABBIA - Finale infuocato, con Mandzukic ultima mossa di Allegri per un Morata sottotono: Hernanes ci prova su punizione e Bizzarri risponde togliendo la palla dall'incrocio, poi a sette minuti dalla fine Cuadrado evita l'intervento di Cesar in scivolata in area e va giù sulla corsa: Guida si confronta con l'assistente d'area che decide per il rigore tra le proteste di tutto il Chievo, sul dischetto Dybala di sinistro non lascia scampo a Bizzarri e riporta la gara in parità, firmando il suo primo gol allo Stadium. La Juve va all'assalto cercando anche il gol della vittoria, ma lo fa in maniera confusa commettendo sempre un fallo di troppo: finisce 1-1 ma non finisce la crisi dei campioni d'Italia, ora attesi alla difficilissima sfida con il Manchester City all'esordio in Champions League. Anche le cifre certificano un avvio da record negativo: era dal 1962 che la Juventus non raccoglieva un solo punto nelle prime tre giornate di Serie A e era da 8 anni (stagione 2007/08) che non subiva gol in tutte le prime tre giornate di campionato.

Per Approfondire

Commenti