Corriere dello Sport

Serie A

Vedi Tutte
Serie A

Tagliamo gli errori: moviola in campo il prima possibile

Tagliamo gli errori: moviola in campo il prima possibile
© LaPresse/Spada

Fate presto, così non vedremo più errori come quello di ieri sera: il Napoli si giocava la possibilità di avvicinare la Juve e tenere a distanza la Roma

Sullo stesso argomento

di Stefano Barigelli

domenica 17 aprile 2016 11:21

ROMA - Fate presto con la moviola in campo. Così non vedremo più un errore come quello di San Siro, che dopo pochi minuti ha cambiato una partita decisiva per scudetto e secondo posto. Risultati sportivi, ricordiamolo, pieni anche di contenuto economico: tra essere sicuri di fare la Champions e correre i rischi di un preliminare, possono esserci di mezzo tanti milioni di euro. Il Napoli ieri si giocava la possibilità di avvicinare la Juve e tenere a distanza di sicurezza la Roma. Ora un obiettivo può dirsi perso, mentre l’altro s’è complicato. La Juve, infatti, ha oggi un match point contro il Palermo: andare a +9 con appena cinque giornate da giocare ha il sapore dello scudetto.

INTER-NAPOLI 2-0: LA CRONACA DEL MATCH

Quanto alla Roma, battendo l’Atalanta può dimezzare il distacco dal Napoli e giocarsi tutto nello scontro diretto all’Olimpico il 25 aprile. Anche se con un occhio deve guardare ai nerazzurri di Mancini, arrivati in scia. L’Inter ha giocato una bella partita, perfetta in difesa, Icardi ha poi fatto la differenza in attacco: gol e assist per Brozovic. Ma al di là di ogni congettura, segnare subito le ha regalato un innegabile vantaggio. Arrivato dopo le polemiche per la lunga squalifica di Higuain e la contestata riduzione di una giornata. Il nostro campionato di A ha molti ritardi rispetto alla concorrenza europea. Per anni i club, tranne pochissime eccezioni, hanno avuto l’unica strategia di alimentare i ricavi dei diritti televisivi senza modernizzarsi. Il sì della Federcalcio alla moviola è un passo avanti. Un elemento di novità e di chiarezza. Le squadre hanno il diritto di vincere o perdere per quello che fanno in campo. Gli unici errori a decidere, devono essere i loro.

Articoli correlati

Commenti