Corriere dello Sport

Serie A

Vedi Tutte
Serie A

Serie A, Verona-Lazio 0-3: doppio Immobile e Marusic

Serie A, Verona-Lazio 0-3: doppio Immobile e Marusic
© ANSA

Il montenegrino conquista un rigore e segna il terzo gol, doppietta e assist per l'azzurro: anche in emergenza la squadra di Inzaghi riparte dopo il ko col Napoli. Altro stop per l'Hellas, con il tecnico Pecchia sempre più in bilico

Sullo stesso argomento

di Giuliano De Matteis

domenica 24 settembre 2017 17:00

VERONA – La Lazio è viva. Questo è il verdetto del ‘Bentegodi’, dove in piena emergenza e praticamente senza difesa travolge a domicilio un Verona sempre più in difficoltà rialzandosi immediatamente dopo lo sfortunato 4-1 incassato all’Olimpico dal Napoli. Un 3-0 netto e senza appello, una prova di forza in un match dominato e gestito poi da grande squadra con Immobile sempre più nei panni del leader al di là dei gol e un sorprendente Marusic.

Senza Bastos, de Vrij, Basta, Wallace, Milinkovic-Savic, Felipe Anderson e Nani il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi decide comunque di confermare la difesa a tre con il 20enne Luiz Felipe affiancato da Patric e Radu, mentre Leiva guida il centrocampo completato da Parolo e Lulic con Marusic e Lukaku esterni e Luis Alberto a supporto di Immobile. Sull’altro fronte Pecchia - orfano di Ferrari, Felicioli e Cherubin – ritrova Souprayen in difesa dopo il turno di squalifica e sceglie Valoti, Romulo e Pazzini nel tridente del 4-3-3. 

Verona-Lazio 0-3: il tabellino

IMMOBILE-SHOW – I ritmi sono alti fin dalle prime battute con la Lazio aggressiva, concentrata e determinata (Parolo ammonito già al 15’) di fronte a un Verona pronto comunque a ribattere colpo su colpo per rimpinguare il magro bottino di 2 punti fin qui conquistato e rinsaldare la traballante panchina del proprio allenatore. La superiore qualità degli ospiti è però evidente e i biancocelesti danno l’impressione di poter far male a ogni accelerazione. Proprio quello che accade al 24’, quando Marusic penetra in area e viene steso in area da Souprayen: è calcio di rigore e sul dischetto va Immobile che spiazza Nicolas e porta in vantaggio i suoi.

Gli scaligeri provano a reagire ma i biancocelesti non tremano e al 40’ allungano: protagonisti ancora Marusic e Immobile, con il centravanti che dopo un bello scambio con il compagno supera due avversari in slalom e scaraventa in rete la palla del 2-0 andando poi a festeggiare sotto ai propri tifosi il suo ottavo gol in campionato (come Beppe Signori nel 1992/93). L’Hellas accusa il colpo ma prima del riposo spaventa Strakosha con Fossati su punizione, ma il portiere albanese – fin qui inoperoso - è strepitoso nel volare per togliere la palla dall’incrocio dei pali.

Verona-Lazio 0-3: i numeri e le statistiche del match

SORPRESA MARUSIC – A inizio ripresa Pecchia ridisegna il Verona con un doppio cambio, mandando in campo gli attaccanti Kean e Cerci al posto di Zaccagni e Souprayen. Ma la prima chance è ancora della Lazio, con Lulic che conquista una palla davanti alla propria area e avvia un contropiede sprecato poi da Marusic che di testa cerca il gol invece di servire il bosniaco tutto solo nel cuore dell’area. Il capitano biancoceleste prova allora a fare tutto da solo al 55’, ma sul suo sinistro è attento Nicolas che blocca a terra ma non può nulla cinque minuti dopo sul destro da distanza ravvicinata di Marusic, freddo nel capitalizzare l’assist di Immobile e chiudere la gara portando i suoi sul 3-0. La squadra di Simone Inzaghi non ha però intenzione di fermarsi e al 63’ è Luis Alberto a sfiorare il poker con l’esterno, con il tecnico che poco dopo (68’) fa entrare Murgia per Lukaku (Lulic trasloca a sinistra) e Caicedo per l’ottimo Luis Alberto (71’).

La risposta di Pecchia è il debuttante sudcoreano Lee Seung-Woo al posto di Valoti e il 19enne prodotto della ‘cantera’ del Barcellona costringe subito al giallo Marusic. La Lazio ha però ormai i tre punti in ghiacciaia e nel finale c’è spazio anche per Di Gennaro (dentro al posto di Lucas Leiva all’84’) che può così partecipare alla festa dei biancocelesti, ora quarti in classifica a quota 13 punti e pronti a rituffarsi in Europa League. Delusione invece per il pubblico veronese, che alla fine ha contestato un Pecchia sempre più in bilico.

Serie A, la classifica

Articoli correlati

Commenti