Corriere dello Sport

Serie A

Vedi Tutte
Serie A

Serie A, Inter-Milan 3-2: Icardi show, tripletta che stende Montella

Serie A, Inter-Milan 3-2: Icardi show, tripletta che stende Montella
© ANSA

L'argentino decide il derby con un rigore al 90'. Spalletti torna a -2 dal Napoli capolista

Sullo stesso argomento

di Davide Palliggiano

domenica 15 ottobre 2017 22:43

MILANO - Un derby folle, come quello di aprile, quando Zapata trovò il pareggio al 97'. Stavolta però gode l'Inter nel finale. Gode grazie a un rigore di Icardi al 90', alla tripletta del suo capitano, che spiazza Donnarumma, si toglie la maglia e la mostra in mondovisione a San Siro, come Messi al Bernabeu. Vince l'Inter di Spalletti 3-2 e si riporta a -2 dal Napoli capolista, aspettando il big match di sabato prossimo al San Paolo.

Il Milan, dal canto suo, esce dal Meazza a testa alta dopo un secondo tempo di grinta e carattere, ma per Montella quello di stasera è il quarto ko, il terzo di fila, in otto partite. La classifica dice nono posto, a braccetto con il Chievo. Troppo poco per le aspettative della vigilia.

Inter-Milan 3-2: statistiche e tabellino 

SENZA JOAO MARIO - Spalletti rinuncia al portoghese, colpito da una fastidiosa tonsillite. Nel 4-2-3-1 i due mediani sono Gagliardini e Vecino, mentre alle spalle di Icardi agisce il trio Candreva-Borja Valero-Perisic. Montella ripropone invece il 3-5-2. Out Kalinic, in attacco giocano André Silva e Suso, con Borini che scivola a destra nei 5 di centrocampo.

SOLO L'INTER - Per l'intero primo tempo, la squadra di Spalletti domina il gioco e si rende più pericolosa. Al 13' Candreva colpisce con un destro morbido la traversa superiore e manda i primi segnali a un Milan che non riesce mai a presentarsi dalle parti di Handanovic. Suso appare spaesato nel ruolo di seconda punta accanto ad André Silva, mentre il portoghese non riesce mai a smarcarsi per l'ultimo passaggio. 

GOLAZO DI ICARDI - Al 28' l'Inter passa con una magnifica azione corale. L'assist finale è di Candreva con un cross a mezza altezza su cui Icardi si fionda come un'aquila. L'argentino si inserisce tra Musacchio e Bonucci e batte Donnarumma con un tocco imparabile sul secondo palo. Per Maurito si tratta del gol numero 94 in serie A al primo pallone toccato in area di rigore. 

OCCASIONE BORINI - Il capitano nerazzurro ci prova pure al 36', ma con un tiro troppo centrale. E il Milan? Si fa vedere al 44': Kessie pesca con un bel filtrante Borini in area di rigore, l'attaccante tira di prima intenzione ma trova un Handanovic pronto e reattivo. Poi sulla ribattuta mette fuori di testa.

CHE MILAN! - Nella ripresa è tutt'altra storia e il derby diventa una partita folle. Kessie lascia il posto a Cutrone e il Milan ritorna con le tre punte. La squadra di Montella ha una reazione mostruosa e crea occasioni a raffica. Prima André Silva colpisce il palo con un gran sinistro (sulla ribattuta segna Musacchio, ma in fuorigioco), poi è Suso a provarci da fuori, con Handanovic che smanaccia in corner.

SUPER HANDA, MA C'È SUSO - Sull'angolo tocca a Borini, con il portiere sloveno che si oppone ancora una volta da campione, così come sulla girata mancina di Cutrone al 54'. Tre minuti dopo, però, nulla può sullo splendido tiro a giro di Suso, che trova il meritato pari per il Milan.

SUSO, POI ICARDI - La squadra di Montella non smette di spingere e l'Inter ci prova dunque in contropiede. Vecino si mangia un gol già fatto, sparando fuori un assist al bacio di Candreva. Handanovic si supera di nuovo su tiro ravvicinato di Bonaventura, ma un minuto dopo Biglia perde palla a centrocampo e parte il contropiede nerazzurro. Icardi strappa la palla al connazionale, serve Perisic a sinistra che crossa per lui al centro, dove la difesa del Milan sonnecchia: fantastica volée di destro e 2-1 Inter al 63', sempre con griffata Maurito.

PARI MILAN - Al 73' Spalletti toglie Candreva, che esce tra gli applausi, e inserisce Cancelo. Montella cambia di nuovo modulo: entra Locatelli per Romagnoli e passa al 4-2-4. Da un cross di Borini, nasce il 2-2 di Bonaventura, bravo a intervenire in spaccata sul secondo palo con la difesa interista immobile sul cross di Borini dalla destra. Handanovic compie un mezzo miracolo con l'aiuto del palo, ma poi si trascina la palla dietro la linea e il Milan trova il pari (81'). Spalletti non s'arrende: entra Eder per Borja Valero (85'). E l'Inter, in effetti, ha la palla del 3-2 all'88' proprio con l'italobrasliano, ma è bravo Rodriguez a immolarsi per la causa. 

ICARDI...E SONO TRE - Sul calcio d'angolo successivo, però, lo svizzero combina la frittata: Tagliavento vede una sua trattenuta ai danni di D'Ambrosio e indica senza alcun dubbio il dischetto. Dagli undici metri Icardi spiazza Donnarumma, firma la tripletta e mostra la maglia al Meazza, come Messi al Bernabeu nel "Clasico" Real Madrid-Barcellona. Finisce così 3-2 per l'Inter. Per Spalletti è la settima vittoria in otto partite. Il Napoli di Sarri è avvisato: sabato prossimo, l'obiettivo, è il sorpasso.

Classifica Serie A

Articoli correlati

Commenti