Corriere dello Sport

Serie A

Vedi Tutte
Serie A

Juventus, oggi è l'erection day

Juventus, oggi è l'erection day
© Juventus FC via Getty Images

E' la giornata dell’eccitazione di una tifoseria alla quale vincere non basta più (vuole stravincere) e che non accetta che l’avversario sia eletto campione di complimenti per il gioco

 Ivan Zazzaroni

domenica 4 marzo 2018 11:33

Oggi è l’Erection Day juventino, la giornata dell’eccitazione di una tifoseria alla quale vincere non basta più (vuole stravincere) e che non accetta che l’avversario sia eletto campione di complimenti per il gioco.

La bellezza nel calcio non è un concetto vuoto, se lo si considera ancora uno spettacolo. E' una forza, ma non è la forza. E se il Napoli continua a essere la Bella, la Juve è certamente la Bestia, e soltanto nelle favole la Bella batte la Bestia, o alla peggio se ne innamora.

Contro la Lazio la Juve ha giocato innanzitutto per non prenderle - e vedere di nascosto l’effetto che avrebbe fatto - dovendo rinunciare più o meno volutamente a Higuaìn, Bernardeschi, Chiellini, Cuadrado, Marchisio, Alex Sandro e Douglas Costa – gli ultimi due sono entrati a partita in corso. Per 93 minuti si è difesa, non ha creato nulla, Lichtsteiner si è mosso da ala, Mandzukic, non al massimo, e Dybala solo presenze impalpabili. Fino al minuto della pazza Joya.

Il Napoli ha invece giocato come sa, e ha creato e tirato una quindicina di volte in uno specchio che rifletteva puntualmente la bravura di Alisson; cinque volte ha lasciato colpevolmente spazio alla Roma e quattro volte è stato punito.

La Bestia - inesorabile - ha vinto, la Bella ha subìto la seconda sconfitta in 27 uscite, ma si è presa gli applausi del pubblico. E sono immediatamente fioccate le battute, si sono moltiplicati gli sfottò, qualcuno ha rielaborato un riferimento di Sarri all’Olanda del 74 (non ha mai paragonato l’Arancia Meccanica alla sua squadra) per consumare rivincite social: “Cruijff dov’è?”, “quando entra Neeskens?”. Ma la Bella non ha né un Cruijff, né un Neeskens: non se li può permettere.

Questo è il calcio, oggi: e va accettato così, con le sue depravazioni, rispedendo al mittente i pregiudizi più stupidi. Quali? Se fai i complimenti alla Bella sei subito considerato di parte e fazioso, poco obiettivo, hai i nonni del Vomero o mangi "aggratis" nelle migliori pizzerie di Santa Lucia.

 

Articoli correlati

Commenti