Alla Juventus mancano ancora tre scudetti

Alla Juventus mancano ancora tre scudetti© Juventus FC via Getty Images
Ivan Zazzaroni

La Juventus è più avanti anni luce, vincerà dieci scudetti di fila” (Sergio Berti, storico agente di calciatori, estate 2012). Quello che molti, troppi, continuano a non voler capire o accettare, ma che - primo fra tutti - De Laurentiis sa benissimo: sul piano tecnico, dell’esperienza e delle risorse, tra la Juve e il resto della compagnia non c’era e non c’è ancora partita, perciò il Napoli e Sarri hanno fatto un miracolo; meglio, trequarti di miracolo. Non hanno completato un’impresa simile a quella realizzata dal Leicester di Ranieri in Premier, sono però riusciti a tenere in vita fino a due giornate dal termine un campionato nato morto, o quasi.

Un passo indietro per risultare ancora più chiaro: la Juve veniva da sei scudetti di fila, due finali Champions in tre stagioni e tre coppe Italia consecutive (aggiungo che ha di nuovo conquistato la finale della coppa nazionale ed è stata estromessa da quella europea all’ultimo minuto da un rigore discusso), al gruppo vincente aveva aggiunto Matuidi, Douglas Costa, Bernardeschi e Szczesny, mentre il Napoli aveva soltanto conservato e la Roma sacrificato al bilancio lo stesso Szczesny, miglior portiere del campionato precedente, Rudiger e Salah, il fenomeno della Premier capace di trascinare il Liverpool dentro la finale più prestigiosa. E ancora: l’Inter aveva fatto di necessità FPF virtù, mentre il Milan si era impegnato in una costosa e complessa ristrutturazione.

Il gioco, l’idea, il lavoro, la disponibilità del gruppo e l’entusiasmo di una città hanno consentito a Sarri di procurare molta ansia alla Juve, che ha peraltro contato parecchi infortuni, ma alla fine tutti gli elementi elencati non sono bastati: a complicare il sogno grande ci si sono messe anche alcune decisioni arbitrali contrarie, ma tutto sommato ha vinto chi ne aveva di più, "di benzina" e non solo.

Quando lo stesso Sarri ripeteva, e l’ha fatto a più riprese, che “la Juve era superiore” c’era chi l’accusava di inventarsi degli alibi: sarebbe bastato analizzare individualmente il suo Napoli per dargli ragione. Prendo come parametro la caratura internazionale dei giocatori per sottolineare una volta di più che Reina, Albiol, Allan, Callejòn, Zielinski e Mario Rui, titolarissimi (il portoghese dopo il doppio infortunio di Ghoulam) non trovano posto nelle rispettive nazionali; lo stesso Mertens non è titolare nel Belgio, così come Insigne e Jorginho non sono impiegati con continuità nell’Italia; i soli punti fermi delle rispettive selezioni sono Hamsik, Hysaj, Chiriches e Milik, ma stiamo parlando di Slovacchia, Albania, Romania e Polonia. C’è anche Diawara, guineano.

Opportuno a questo punto ricordare il ruolo, l’esperienza e l’incidenza di Buffon, Chiellini, Khedira, Pjanic, Benatia, Mandzukic, Higuaìn, Dybala, Cuadrado, Marchisio, Barzagli, Alex Sandro, Lichtsteiner e Asamoah.

Con la Champions alla Juve, la Roma a Kiev e lo scudetto al Napoli avremmo certamente vissuto un’estate più bella e capace di farci digerire un Mondiale senza Italia. Ma il calcio non è fatto per accontentare tutti.

Grazie di cuore, Napoli. E Juve a meno tre dalla teoria bertiana.

Serie A, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti