Serie A
0

Vaia: "Così si eviterà la quarantena di 14 giorni in Serie A"

Il direttore sanitario dello Spallanzani, membro della commissione Figc, indica la strada con il collega Della Frera

Vaia:
© ANSA

ROMA - Il direttore sanitario dell’ospedale Spallanzani di Roma, Francesco Vaia, membro della commissione medica della Federcalcio, spiega gli scenari futuri della lotta al Coronavirus e per la ripresa del campionato di calcio: “C'è un ridimensionamento del virus, questo ci dice che bisogna essere ottimisti per il futuro, ma anche che la battaglia non è ancora finita – le sue parole all’emittente Radio Punto Nuovo - certamente la vinceremo, ma da qui alla vittoria, c'è ancora un tratto da fare insieme. Non siamo meteorologi, quindi non possiamo prevedere una seconda ondata o meno”.

Monitoraggio per le squadre

A nostro giudizio, più che il post, va osservato il pre - continua il dottor Vaia - il gruppo squadra poteva essere messo in un centro sportivo e in 15 giorni fare uno screening generale, così da avere la quasi certezza di avere un gruppo negativo. Quando si sceglie un'altra strada che è quella di mandarli a casa, il soggetto ha una sua vita relazionale. Oggi abbiamo una curva bassissima, ma comunque ci sono dei positivi. Se la decisione a monte è sbagliata, a valle diventa difficilissimo metterci mano. È un atto farisaico dire di riprendere il campionato con una norma che dice di bloccarlo in caso di quarantena. L'unica cosa di buon senso da poter fare è mettere sotto monitoraggio, un contact tracing, tutto il gruppo. A oggi, di fronte la decisione del CTS, è evidente che sia frutto delle divisioni di chi la voleva cotta e chi cruda. Porte aperte? Ci spero e ci conto. Sono stato sempre severo, ma sereno. La società sta riaprendo, il contact tracing continuo e costante ci aiuterà. Così andando, possiamo prevedere una parziale apertura degli stadi".

Quarantena inferiore ai 14 giorni

A Radio Punto Nuovo ha parlato anche Walter Della Frera, membro della commissione medica Figc in quota Assocalciatori: “È vero che i casi sono in diminuzione, per fortuna anche in Lombardia le sale di rianimazione si stanno svuotando. I casi che abbiamo non sono più gravi, evidentemente c'è stata una diminuzione della viremia. Modifiche al protocollo? L'incubazione del virus va dai 7 ai 14 giorni, il rischio di avere un tampone negativo all'inizio e poi trovarsi con un contagio, allo stato attuale, impedisce al Cts di approvare una quarantena di giorni in meno. Senz'altro speriamo che il base alla curva, all'andamento, alle osservazioni, anche il Cts possa pensare ad una quarantena inferiore ai 14 giorni. Mi affido al comitato che deve decidere, ma noi ovviamente facciamo le nostre osservazioni, sempre attenendoci a ciò che dice il governo. Continueremo a portare dati affinché la quarantena possa ridursi, perché siamo tutti consci che in caso di quarantena di 14 giorni, è difficile completare il campionato”.

Test veloci da validare

Il dottor Della Frera indica una strada: “Test salivari? Se venissero validati ci permetterebbero, in tempi estremamente veloci, aumentando il monitoraggio di ogni soggetto, uno dei fattori che potrebbero far cambiare idea al Cts e quindi accorciare il tempo della quarantena. Insieme ad applicazioni ad hoc e a un contact tracing ristretto, ritengo che possa essere la svolta. Sono tutte ipotesi che vanno vagliate".

[[smiling:124742]]

Tutte le notizie di Serie A

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti

Squadra PT Squadra PT
Juve 76 Cagliari 41
Atalanta 70 Parma 40
Inter 68 Fiorentina 36
Lazio 68 Sampdoria 35
Roma 54 Udinese 35
Napoli 52 Torino 34
Milan 50 Genoa 30
Sassuolo 46 Lecce 29
Verona 44 Brescia 21
Bologna 42 Spal 19
SERIE A - 33° GIORNATA
MARTEDÌ 14 LUGLIO 2020
Atalanta - Brescia 6 - 2
MERCOLEDÌ 15 LUGLIO 2020
Sampdoria - Cagliari 19:30
Bologna - Napoli 19:30
Milan - Parma 19:30
Lecce - Fiorentina 21:45
Roma - Verona 21:45
Sassuolo - Juve 21:45
Udinese - Lazio 21:45
GIOVEDÌ 16 LUGLIO 2020
Torino - Genoa 19:30
Spal - Inter 21:45