Serie A
0

Verona-Lazio 1-5: tripletta di Immobile, agganciato Lewandowski a quota 34

Il bomber biancoceleste ha segnato due rigori e un gol bellissimo in contropiede e ora punta al titolo di capocannoniere e alla Scarpa d'Oro. Inzaghi ha stabilito il nuovo record di punti, 75, agganciando l'Atalanta. L'Inter seconda è solo a +1

Verona-Lazio 1-5: tripletta di Immobile, agganciato Lewandowski a quota 34
© ANSA

La Lazio non si accontenta. Dopo aver centrato il quarto posto vuole arrivare almeno terza, se non seconda. Con la vittoria per 5-1 a Verona, seconda consecutiva dopo la crisi post lockdown, i biancocelesti hanno agganciato l'Atalanta che resta terza per il vantaggio negli scontri diretti. L'Inter seconda è solo a +1. Inzaghi intanto ha centrato il record di punti, salendo a quota 75. La Lazio era arrivata massimo a 72, come nella stagione dello scudetto 1999/2000 quando però le giornate del campionato erano 34. Presto incontrerà Lotito con questi numeri per parlare di rinnovo.

Tripletta Immobile: agganciato Lewandowski

Immobile ha firmato una tripletta (due su rigore) portandosi a quota 34: +3 su Ronaldo nella battaglia per la classifica dei capocannonieri, agganciato Lewandowski per la Scarpa d'Oro. Bellissimo il secondo gol del bomber biancoceleste. Mancano due reti per arrivare a trentasei ed eguagliare il record in un campionato stabilito da Higuain con la maglia del Napoli. Immobile ha eguagliato un altro record, arrivando con questa tripletta a quota 101 gol in serie A con la maglia della Lazio: solo Signori (107) e Piola (143) hanno fatto meglio. Il bomber biancoceleste con 123 gol totali, ha anche superato Chinaglia al terzo posto nella classifica dei marcatori di tutti i tempi. L'unico rimpianto per Inzaghi è aver perso troppi punti per la corsa scudetto, nel black-out alla ripresa del campionato, perché ora la sua Lazio è tornata. Il Verona ormai non ha più obiettivi, ma dopo aver stupito tutti non vince più: nelle ultime sette partite Juric ha collezionato cinque pareggi e due sconfitte.  

Correa con Immobile

Inzaghi schiera il tradizionale 3-5-2 con Correa titolare accanto a Immobile. Sulla fascia sinistra la sopresa e Djavan Anderson, titolare con la Juventus e poi fuori con il Cagliari. In difesa Acerbi ce la fa. Juric deve fare i conti con una vera e propria emergenza in difesa e arretra Veloso. in attacco schiera la coppia Eysseric e Zaccagni dietro Borini: non c’è Salcedo. Assente anche Kumbulla, gioiellino nel mirino della Lazio. 

Due rigori: Amrabat e Immobile

I ritmi sono subito abbastanza alti con il Verona che se la gioca a viso aperto e lascia spazio alle ripartenze della Lazio. Djavan Anderson mette subito in mostra le sue qualità sulla sinistra. Il primo tiro in porta è di Milinkovic-Savic all’11’, ma è troppo debole e centrale. Ci va molto più vicino Immobile, con una gran botta al 14’ da fuori che sorvola la traversa. La prima occasione per il Verona arriva al 25’, con un tiro di Veloso dalla distanza deviato da Strakosha con una bella parata, anche se sarebbe comunque uscito di poco. Al 32’ Milinkovic-Savic sfiora la traversa dopo uno schema su punizione. La gara si sblocca al 36’ per un’ingenuità di Luiz Felipe che si fa rubare palla da Zaccagni e lo sgambetta da dietro regalando un rigore al Verona. Dal dischetto Amrabat spiazza Strakosha, firmando il suo primo gol della stagione. La Lazio trova il pareggio proprio allo scadere, grazie a un altro rigore concesso da Volpi, questa volta dopo aver rivisto al Var il fallo netto di Lazovic. Dagli undici metri Immobile firma il trentaduesimo gol del campionato, portandosi a +2 su Ronaldo

La Lazio si prende la partita. Immobile Show

Nella ripresa parte bene la Lazio, che sfiora il gol dopo tre minuti con Acerbi di testa. Il Verona risponde e colpisce un palo con un cross di Lazovic deviato da Luiz Felipe. Al 56' Milinkovic-Savic firma il sorpasso su punizione, grazie a una deviazione decisiva di Faraoni che beffa Radunovic. Al 60' Strakosha nega il pari a Borini con una grande parata. La Lazio si salva e poi trova il colpo vincente con Correa. Ancora una volta è una deviazione di un suo difensore a tradire Radunovic. Al 78' ancora un grande Strakosha nega il gol a Salcedo e impedisce al Verona di riaprire la partita. All'83' arriva la doppietta di Immobile con un tiro a giro stupendo in contropiede imparabile. In pieno recupero ancora uno scatenato Immobile si procura un altro rigore. Lo stava per calciare Luis Alberto, che poi lascia al bomber biancoceleste. E' il quattordicesimo rigore realizzato dall'attaccante in questa stagione, che ora insegue il sogno della Scarpa d'Oro e del titolo di capocannoniere. Ci sono ancora due partite per centrare altri record. 

Tutte le notizie di Serie A

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti

SERIE A - 1° GIORNATA
SABATO 19 SETTEMBRE 2020
Fiorentina - Torino 1 - 0
Verona - Roma 0 - 0
DOMENICA 20 SETTEMBRE 2020
Parma - Napoli 10:30
Genoa - Crotone 13:00
Sassuolo - Cagliari 16:00
Juve - Sampdoria 18:45
LUNEDÌ 21 SETTEMBRE 2020
Milan - Bologna 18:45
MERCOLEDÌ 30 SETTEMBRE 2020
Benevento - Inter 16:00
Udinese - Spezia 16:00
Lazio - Atalanta 18:45