Spezia-Sassuolo 1-4: il Var non ferma Caputo, vola De Zerbi

Apre Djuricic, pareggia Galabinov, quindi rigore di Berardi, girata di Defrel e sigillo del bomber di Altamura al quarto tentativo (dopo tre reti annullate dalla tecnologia)

© ANSA

CESENA - Esordio amaro nella massima serie per lo Spezia, sconfitto 4-1 dal Sassuolo con reti di Djuricic, Berardi (dal dischetto), Defrel Caputo, che trova gloria personale dopo essersi visto annullare ben tre reti dal Var. Per Italiano provvisorio pareggio di Galabinov, che ha colpito anche una traversa (al pari di Locatelli). De Zerbi si porta provvisoriamente al comando della classifica di A con 4 punti. 

Caputo vince la battaglia col Var, Sassuolo show con lo Spezia
Guarda la gallery
Caputo vince la battaglia col Var, Sassuolo show con lo Spezia

Le scelte di Italiano e De Zerbi

Vincenzo Italiano deve rinunciare agli squalificati Terzi e Maggiore, oltre a Mattiello ed Ismajli, non convocati, e si affida ai nuovi acquisti Dell'Orco, Pobega e Agudelo: per la prima in Serie A si presenta con un 4-3-3 dove, davanti a Zoet, il centrale in prestito proprio dal Sassuolo è coadiuvato da Erlic con Sala e Ramos ai lati. Il classe '99 scuola Milan a centrocampo con Bartolomei e Matteo Ricci e l'ex Genoa e Fiorentina in avanti con Galabinov e Gyasi. Roberto De Zerbi, privo di Jeremy Boga positivo al Coronavirus, Marlon (in partenza) e Rogerio per un problema al polpaccio sinistro, opta per un 4-2-3-1 con Consigli tra i pali, Toljan, Chiriches, Ferrari e Kyriakopoulos nel pacchetto arretrato, Obiang e Locatelli nel cuore del rettangolo verde, Berardi, Djuricic e Defrel sulla trequarti, con quest'ultimo che vince il ballottaggio con Haraslin, e Caputo terminale offensivo.

Djuricic, Var e Galabinov: show nel 1° tempo

L'emozione sembra, almeno in avvio, non appesantire le gambe dei calciatori dello Spezia, che partono fortissimo, cercando con insistenza la profondità. La fiammata dura pochi minuti, poi il Sassuolo, esprimendo un calcio di livello sulla stessa falsariga dello scorso campionato, fatto di un pallone che gira velocemente e con qualità ed un asfissiante pressing attuato in fase di non possesso, strappa in fretta ai liguri il pallino del gioco, sbloccando il risultato al 12' con Djuricic, abile a saltare Sala con un tunnel e trafiggere Zoet con un diagonale chirurgico. Lo Spezia rischia grosso e subisce il 2-0 di Caputo al 21', ma dopo una lunga revisione del Var (6'), la rete viene annullata per fuorigioco dell'attaccante. L'episodio scuote lo Spezia, che mette in campo più grinta, fino a trovare l'1-1 al 30', con un'incornata di Galabinov da centro area. Dopo il pareggio, il Sassuolo torna a macinare senza tuttavia riuscire a concretizzare, fermandosi sulla traversa colpita su punizione da Locatelli.

Berardi-Defrel-Caputo, il Sassuolo dilaga

De Zerbi getta nella mischia Muldur Bourabia al posto di Obiang e Kyriakopoulos e il Sassuolo cerca di mettere le cose in chiaro sin dalle prime battute della ripresa. Una splendida giocata di Djuricic viene chiusa in corner in extremis, un tocco col braccio di Sala fa gridare al rigore, ma l'arbitro sceglie di soprassedere, quindi un salvataggio sulla linea (56') e il Var (57') negano la gioia del gol prima a Defrel, poi a Caputo. Il bomber di Altamura si guadagna un calcio di rigore regalando a Berardi il 2-1 (64'), poi serve l'assist del tris al franco-martinicano meno di 2' più tardi. La tecnologia prosegue la propria battaglia personale contro Caputo al 71', cancellandogli la terza rete ma, dopo una traversa colpita da Galabinov, nulla può sulla sua girata al 76' che fissa il punteggio sul definitivo 4-1.

Da non perdere



Commenti