Verona-Bologna 2-1: commento al risultato partita

La squadra di Tudor, colpita in avvio da Orsolini, rimonta con Caprari e Kalinic e sogna l'Europa in attesa di sfidare la Juve (non ci sarà Simeone). Terzo ko di fila per gli emiliani di Mihajlovic, decimati dalle assenze
Verona-Bologna 2-1: commento al risultato partita© LAPRESSE
TagsVeronaBolognaSerie A

VERONA - Successo in rimonta e zona Europa League vicina per il Verona, che al 'Bentegodi' batte 2-1 il Bologna e centra così il terzo acuto nelle ultime quattro gare (una serie 'macchiata' solo dal ko casalingo con la Salernitana). Colpita in avvio da Orsolini, la squadra di Tudor trova la forza per tornare a galla con Caprari prima del riposo e di sorpassare poi con Kalinic, la cui rete nel finale premia una ripresa giocata all'assalto dall'Hellas. Terza sconfitta di fila invece per gli emiliani di Mihajlovic decimati dalle assenze, che restano comunque in una zona tranquilla di classifica.

Verona-Bologna 2-1: statistiche e tabellino

Diverse assenze sui due fronti

Tra i padroni di casa (out Dawidwicz, Frabotta e Hongla) stringe i denti Ceccherini che completa il terzetto difensivo con Casale (che Sarri vorrebbe alla Lazio) e Gunter. In mezzo al campo invece rientra Ilic dopo la squalifica: l'ex Manchester City fa coppia con Veloso nel 3-4-2-1 con Faraoni e Lazovic  sugli esterni, mentre alle spalle di Simeone sono ancora Barak e Caprari i trequartisti. Decisamente più lunga la lista degli assenti in casa rossoblù: oltre allo squalificato Soumaro e al gambiano Barrow impegnato in Coppa d'Africa, sono indisponibili Mbaye, Kingsley, Schouten, Santander e De Silvestri. Al posto di quest'ultimo nel 3-5-2 viene adattato Theate sulla destra (con Hickey sul lato opposto), mentre in mezzo gioca Dominguez nonostante i continui problemi alla spalla e davanti c'è Orsolini a fare reparto con Sansone (inizio in panchina per l'acciaccato Arnautovic).

Caprari risponde a Orsolini

Ritmi subito alti in avvio di gara e dopo un paio di fiammate del Verona (una conclusione di Simeone a fil di palo al 3' e una di Ilic ribattuta al 12') è il Bologna a pungere per primo: intervento a vuoto di Gunter al limite dell'area e splendida girata mancina al volo di Orsolini che batte Montipò (14'). I padroni di casa incassano il colpo e reagiscono, trascinati da Lazovic: suo il cross dalla sinistra 'spizzato' da Barak su cui non riesce a intervenire Simeone (23') e suo anche il destro alto su traversone di Faraoni (che era però scattato in fuorigioco sulla destra al 26'). Gli emiliani provano a spezzare l'assalto scaligero con un 'tiraccio' di Binks (35') ma Lazovic è in grande serata e imperversa a sinistra, da dove pesca prima Barak che ci arriva di coscia senza riuscire ad angolare (37'), poi Caprari che invece sorprende Skorupski e pareggia con uno splendido tacco volante. E prima del riposo Binks è costretto a 'spendere' il giallo per fermare una pericolosa azione scaligera (46') dopo quello pesante incassato dal gialloblù Simeone (era diffidato e salterà la trasferta sul campo della Juventus).

Serie A, la classifica

Kalinic entra e firma il sorpasso

Dall'intervallo rientrano gli stessi ventidue e non cambia nemmeno il copione, con il Verona arrembante e capace di mettere in pochi minuti Simeone due volte davanti a Skorupski: in entrambe le occasioni (48' e 52') il portiere 'mura' in uscita il centravanti gialloblù, che non inquadra la porta nemmeno quando subito dopo il polacco gli respinge involontariamente il pallone addosso con i pugni. La risposta del Bologna (55') è una conclusione di Svanberg (su lancio di Dominguez) troppo centrale per impensierire Montipò, mentre decisamente più complicata è la parata di Skorupski sul destro incrociato di Caprari (57'). Per gli ospiti ci prova poi anche Sansone che sfiora il gol 'olimpico' direttamente da corner, con Tudor che cerca allora di dare al suo Verona nuove energie: Veloso e Simeone lasciano il posto a Tameze e Lasagna (63') ed è proprio quest'ultimo a sfiorare il gol con una conclusione a giro. Le 'contromosse' di Mihajlovic sono Annan e Vignato (fuori al 66' Theate e un Dominguez dolorante alla spalla) ma è ancora Svanber a cercare la porta senza trovarla (68'). Arriva poi il turno di Kalinic nel Verona (dentro per Ilic al 74') e di Arnautovic nel Bologna (fuori Orsolini al 78') e il cambio vincente si rivela quello di Tudor: è infatti Kalinic a completare la rimonta, superando Skorupski di testa su cross perfetto di Lasagna (85'). L'ultimo brivido è un colpo di testa in tuffo di Falcinelli appena entrato, che cerca invano il pari senza inquadrare la porta (92'): finisce 2-1 per il Verona che in attesa di far visita alla Juventus sogna l'Europa.

Serie A, risultati e calendario

Serie A, i migliori video

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti