Pagelle Lecce-Inter: Dimarco fa la differenza, Calhanoglu e Mkhitaryan in ombra

I migliori e i peggiori della vittoria nerazzurra per 1-2: Falcone tira su il muro, bene Strefezza e Blin
Pagelle Lecce-Inter: Dimarco fa la differenza, Calhanoglu e Mkhitaryan in ombra© Inter via Getty Images
7 min
Claudio Beneforti

Lecce

Baroni (all.) 6,5
Deve fare di necessità virtù mancandogli l’intera difesa, e non a caso alla prima azione ecco che l’Inter non trova semafori rossi lungo la propria strada costringendo il Lecce a dover scalare da subito il Mortirolo. Nonostante ciò, costruisce una prima parte di gara estremamente dignitosa e crea anche qualche affanno ai dirimpettai. Nella seconda trova il gol del pari, poi lo difende con tutte le armi a sua disposizione e soltanto quando sta per fare festa Dumfries stende il suo Lecce.

Falcone 7,5
Comincia male la sua serata, una ventina di secondi e già deve piangere per il gol di Lukaku. Nella sua area a tratti c’è un grande traffico ma non rischia mai un tamponamento. Nel secondo tempo diventa un grande protagonista, respingendo tutte le conclusioni di quelli dell’Inter. Un applauso infinito lo merita su De Vrij. Nel finale non può far niente sul gol di Dumfries. Gendrey 6 Lavora dalla parte di Gosens, fa il suo e appena può accompagna l’azione dei compagni nella fase attiva. Cetin sv Non sta bene fisicamente, prova ugualmente a giocare ma dopo una ventina di minuti deve arrendersi.

Blin (21’ pt) 6,5
Deve giocare in un ruolo non suo, evita con una scivolata un altro gol sicuro di Lukaku, sa sempre come cavarsela anche nelle difficoltà. Baschirotto 6 È un centrale adattato, fa inevitabilmente fatica, rischia un cartellino rosso per un’entrata al limite su Lautaro.

Gallo 5,5
Si fa sorprendere da Darmian, che lo anticipa e regala di testa l’assist a Lukaku. Impara la lezione e con il passare dei minuti trova anche lo spazio per attaccare.

Bistrovic 6
Non ha alcuna paura a portare la croce, capisce che c’è da usare lo spadone e non il fioretto e anche questo è un suo merito. Su punizione dal limite costringe Handanovic a fare una bella parata. Listkowski (29’ st) sv Entra per sostenere il gruppo fino alla fine.

Hjulmand 6,5
Da centrale di centrocampo fa avvertire la sua presenza in tutte e due le fasi del gioco, sia quella di attacco che in quella di difesa.

Gonzalez 6
Su per giù valgono i concetti espressi per Bistrovic, è una presenza costruttiva.

Helgason (29’ st) sv
Di supporto nella battaglia finale.

Strefezza 6,5
Spesso e volentieri va a lavorare da seconda punta alle spalle di Ceesay, ha una buona occasione ma fa finire il pallone tra le braccia di Handanovic.

Ceesay 7
Nei giorni scorsi Corvino lo ha difeso nei confronti del partito degli scettici, lotta su tutti i palloni ma è chiaro che ha bisogno di tempo per calarsi del tutto nel nostro calcio. Nel secondo tempo firma il gol del pari, facendo esplodere lo stadio. Ormai senza benzina, deve uscire ma la sua serata è più che positiva.

Colombo (18’ st) 5,5
Si fa vedere soprattutto per i falli che commette.

Di Francesco 6
Il solito folletto sulla fascia sinistra, non è che brilli ma neanche vive di ombre. Fabbrica l’assist per il gol di Ceesay.

Banda (29’ st)sv
Ha sofferto come tutti nell’assedio finale interista.

Inter

S. Inzaghi 6,5
Probabilmente il gol dopo pochi attimi fa credere alla propria squadra che possa essere una serata facile, ma con il passare del tempo l’Inter diventa meno aggressiva e abbassa i ritmi, consentendo così al Lecce di uscire dal tunnel dentro il quale si era infilato da subito. Nel secondo tempo dopo il pari la sua squadra costruisce un continuo assalto trovando la vittoria all’ultimo respiro.

Handanovic 6,5
Nella prima parte guarda la partita senza pagare il biglietto, una parata su Strefezza, un’uscita sicura e poco più. Nella seconda lo batte Ceesay e qua tutta la linea difensiva dell’Inter ha le sue responsabilità. È bravo su una punizione calciata da Bistrovic

Skriniar 5
Sbaglia la partita, sarà per il mercato, sarà perché vive una serata complicata, fatto sta che combina poco o niente.

Correa (42’ st) sv
Entra per l’assalto finale.

De Vrij 5,5
Comanda una difesa che non ha tanto da lavorare, ha la colpa di tenere in gioco Ceesay sul gol del pari del Lecce, poi impegna Falcone in uno dei tanti mischioni che si accendono nell’area dei salentini.

Dimarco 7
Parte sul centrosinistra nella difesa a tre, chiude da esterno di centrocampo. Mette in mezzo il pallone del gol dell’1-0, è sempre propositivo e sul binario di sinistra è sempre un pericolo per quelli del Lecce. Impegna severamente Falcone nella seconda parte. Sempre una spina piantata sui fianchi dei calciatori del Lecce a sinistra.

Darmian 6
Dal lato sinistro a quello destro, pallone di Dimarco, sponda di testa di Darmian e gol di Lukaku. Nel secondo tempo comincia soffrendo Di Francesco, che spesso lo punta.

Dumfries (23’ st) 7,5
Pochi attimi dal suo impiego e colpisce di testa un palo con Falcone battuto. All’ultimo respiro firma il gol dei tre punti per l’Inter.

Barella 6
Corre e rincorre in continuazione, ha anche un occasione per il gol del 2-0 ma la spreca.

Brozovic 5
Non è costruttivo come sempre quando l’Inter deve attaccare e soffre le ripartenze centrali del Lecce. Inzaghi lo vede in difficoltà e lo toglie.

Mkhitaryan (12’ st) 5
Chi lo ha visto?

Calhanoglu 5
Un paio di spunti interessanti ma tutto sommato confeziona una serata più carica di ombre che di luci.

Dzeko (22’ st) 5,5
Non si fa apprezzare in un finale all’arrembaggio.

Gosens 5,5
Continua a essere un lontano parente di quello che all’Atalanta faceva la differenza e anche tanti gol sul binario di sua competenza.

A. Bastoni (12’ st) 6
All’inizio Simone Inzaghi gli preferisce Dimarco per chiudere il trio difensivo. Entra e rimedia subito un giallo.

Lukaku 6
Gli bastano pochi secondi per festeggiare il suo ritorno all’Inter, colpo di testa e Falcone è battuto. Poi l’Inter si smarrisce e si smarrisce anche lui. Nel finale sbaglia un gol clamoroso, facendo disperare anche Inzaghi.

L. Martinez 5,5
Si innervosisce dopo una brutta entrata su di lui di Baschirotto, si cala nella realtà di un’Inter che non è brillante nella costruzione del gioco. Colpisce di testa il pallone sul gol di Dumfries.


Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Serie A, i migliori video

Commenti