Bologna
0

Bologna, De Leo: "Dobbiamo prendercela solo con noi stessi"

Il vice allenatore rossoblù: "Abbiamo perso una partita dominata, sbagliando spesso l'ultimo passaggio. Dominguez è entrato bene, potrà darci una mano. Attaccanti dal mercato? Servirebbero per far rifiatare qualcuno e avere altre soluzioni"

Bologna, De Leo:
© FOTO SCHICCHI

TORINO - "Era un'occasione più unica che rara per quello che abbiamo prodotto". E' molto amareggiato Emilio De Leo dopo la sconfitta del Bologna con il Torino. "Abbiamo dominato e controllato la gara - ha spiegato in conferenza stampa -, ma se non segni devi prendertela solo con te stesso. Ci è mancata la stoccata, oltre alle scelte giuste nell'ultimo passaggio. Poi abbiamo preso anche un palo nel primo tempo, non è facile contro squadre compatte come il Torino. Se l'avessimo sbloccata noi sarebbe stata sicuramente un'altra partita. Non è la sconfitta più dolorosa, lo sono tutte. Come dice Mihajlovic "perdere è come morire". Sul loro gol non abbiamo marcato bene e si sono persi i riferimenti: peccato, avremmo potuto dare un'accelerata alla nostra classifica". Sui cambi: "E' sempre facile parlare alla fine. Chi ha giocato dall'inizio ha fatto bene, poi con l'ingresso di Dominguez abbiamo provato a sfruttare i suoi inserimenti, poi la freschezza di Skov Olsen e alla fine si è messo dentro anche Santander per battagliare nel finale. Dominguez ha grande rapidità e tecnica, gli è bastato poco tempo per trovare l'imbucata giusta per Palacio. Con lui si può velocizzare la manovra e trovare gli spazi per verticalizzare di più. Altri attaccanti? Servirebbero in modo da far rifiatare qualcuno e darci nuove soluzioni". In chiusura De Leo glissa sull'arbitraggio: "Abbiamo visto alcuni episodi di sfuggita, che non mi va di commentare".

TORINO-BOLOGNA 1-0, LA CRONACA

Tutte le notizie di Bologna

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti