Bologna, Orsolini fa tardi e Mihajlovic lo esclude

Pochi minuti di ritardo alla riunione tecnica sono bastati a convincere il tecnico rossoblù a lasciarlo in panchina contro la Lazio all’Olimpico: ecco i motivi
Bologna, Orsolini fa tardi e Mihajlovic lo esclude
4 min
Giorgio Burreddu
TagsOrsoliniMihajlovic

BOLOGNA - Pochi minuti di ritardo alla riunione tecnica sono bastati a convincere Sinisa Mihajlovic a lasciare in panchina Riccardo Orsolini contro la Lazio all’Olimpico. L’episodio non avrà conseguenze. Nessuno strascico, niente di niente. È stato lo stesso Miha a chiedere alla società di blindare Orso che dunque non sarà ceduto. Tuttavia, l’episodio (in cui è rimasto coinvolto anche Kevin Bonifazi, entrato nel secondo tempo per via della coperta corta del reparto difensivo) qualche interrogativo lo pone.

Il Bologna soffre in punta

Il primo: a chi erano rivolte le parole pubblicate da Orsolini sui social dopo la partita? Ecco il post apparso nelle storie di Instagram del giocatore rossoblù: «Intelligenza è mettere sempre in discussione se stessi. Stupidità è mettere in sempre in discussione solo gli altri». Orsolini non solo era quotato e dunque in lizza per un posto da titolare, addirittura nelle ultime ore il giocatore si era guadagnato una maglia da titolare da indossare vicino ad Arnautovic.

Le squadre più anziane della Serie A, la classifica completa
Guarda la gallery
Le squadre più anziane della Serie A, la classifica completa

Bologna, cambi

Alla fine: zero minuti. E non ci sono motivi tecnici: Orsolini è rimasto in panchina per l’episodio pre-riunione tecnica, un atteggiamento non ritenuto in linea con i comportamenti da squadra che vuole Mihajlovic. Questa è perciò una settimana importante per Orso. Non tanto per il mercato, che rimane off-limits per il giocatore ascolano, quanto per la riconquista di quella maglia che avrebbe dovuto indossare dal primo minuto a Roma contro i biancocelesti. Interpellati, i componenti del suo entourage hanno fatto sapere che Orso «non stava al cento per cento». Invece no, i minuti di ritardo hanno fatto arrabbiare Mihajlovic che all’ultimo momento ha cambiato la formazione, dando a Sansone la maglia da titolare vicino a Marko (Sansone era comunque stato provato in quel ruolo durante la settimana) e a Cambiaso quella di esterno sinistro con il conseguente spostamento di Lykogiannis a braccetto di sinistra in difesa.

Bologna, ufficiale: Joaquin Sosa è rossoblù

Bologna, la stagione

Mihajlovic non si lega nulla al dito, come sempre preferisce chiarimenti, discussioni da uomo a uomo. È stato così con Medel, in passato il cileno e l’allenatore serbo avevano avuto visioni del mondo diverse. Poi si erano parlati, confrontati, confronti costruttivi, e le cose erano andate a posto. Medel è oggi un pilastro di cemento della difesa rossoblù. Con Orsolini può accadere lo stesso. C’è sempre stato un tira e molla, tra i due. Anche in passato. Ma è chiaro che questa è una stagione decisiva, soprattutto per Orso. Arrivato a gennaio del 2018, il calciatore cresciuto ad Ascoli affronterà la sesta stagione in maglia rossoblù. Con il Bologna Orso ha collezionato 150 presenze (143 in A e 7 in Coppa Italia), ma più volte è sembrato sul punto di andare via. Mihajlovic confida che il ragazzo, 25 anni, trovi una stagione all’altezza dei suoi sogni. Anni fa sembrava destinato alla Nazionale, nuovo talento azzurro. Tutto è possibile. Ma Orso deve prima imporsi in campionato. Il Bologna, in questo, è un orizzonte necessario.

Il videomessaggio di Mihajlovic al tifoso aggredito a Crotone
Guarda il video
Il videomessaggio di Mihajlovic al tifoso aggredito a Crotone


Bologna, i migliori video

Commenti