Bologna, scontro e calci in allenamento tra Medel e Moro

Il cileno ha reagito al pressing del croato con un colpo, senza stringergli la mano. Dopo la pace
Bologna, scontro e calci in allenamento tra Medel e Moro© FOTO SCHICCHI
4 min
Dario Cervellati
TagsMedelarnautovic

BOLOGNA - Che Gary Medel fosse un giocatore di forte temperamento non lo si è scoperto di certo nell'allenamento di ieri mattina. Ora la sua grinta e quella di Arnautovic che ha catechizzato Orsolini vanno incanalate nel modo giusto e trasferite a tutto il gruppo. La scintilla che ha fatto scattare il pitbull rossoblù contro Moro è stata più una riprova; l'ennesimo attestato della grinta che esce da ogni poro del nazionale cileno: la squadra stava giocando la partitella 11 contro 11 a campo intero. Medel era in possesso del pallone sulla trequarti, Moro gli è corso subito incontro, lo marcava stretto. Nikola portava la giusta pressione, faceva sentire all'avversario il fiato sul collo, provava a soffiargli il pallone. Si è innescato così un naturale corpo a corpo. I dieci tifosi presenti sulla collinetta di Casteldebole osservavano in silenzio: i contatti, seppur intensi, sembravano del tutto regolari. Anche Thiago Motta, a pochi passi da lì, incitava i suoi a continuare a giocare. «Tutto buono» diceva l'allenatore. Ma Medel non era dello stesso avviso. Gary si è fermato e ha tirato un calcio al compagno croato, avversario durante la seduta di ieri mattina. Nulla di violento, più una reazione piccata. 

Barrow si riprende il Bologna

Scintille

Moro, comprendendo immediatamente la situazione, ha allungato il braccio verso Medel in segno di pace, ma il pitbull ancora surriscaldato non ha accettato il chiarimento e con qualche altro rossoblù al suo fianco si è allontanato. Tempo qualche secondo e si è ripartiti subito a giocare. L'episodio è rimasto circoscritto lì, al campo. Poi a fine seduta, mentre alcuni rossoblù erano andati a fare qualche esercizio con gli elastici, Medel e Motta si sono parlati un po', si sono abbracciati e sono rientrati negli spogliatoi del centro tecnico del Bologna.

Precedente

Gary è così: grintoso e fumantino. Anche nel dicembre del 2019 a Lecce si infuriò per un fallo di Tachtsidis. Mihajlovic si mise in mezzo per placare gli animi, ma si generò uno scontro con il suo giocatore. Da quella situazione ne scaturì una reazione positiva di tutta la squadra.

Bologna, differenziato per Arnautovic

Reazione

Anche Arnautovic sta cercando di trasmettere una scossa. Ieri il l'austriaco si è ancora allenato a parte. Ma alla fine dei suoi esercizi si è seduto in panchina: ad una interruzione della partitella ha preso da parte Orsolini e gli ha parlato. Si sbracciava per spiegargli alcuni movimenti. Riccardo ha ascoltato e poi, da esterno d'attacco a sinistra, ha provato a fare quanto suggeritogli. Ma al primo errore, un lancio fuori misura, Arna lo ha catechizzato ancora. I veterani di temperamento stanno dunque cercando di contribuire a tenere alta la concentrazione e l'intensità del lavoro. Non è un caso che ieri il compito sia toccato proprio a Gary e a Marko, i due che i tifosi, nel faccia a faccia della scorsa settimana a Casteldebole, avevano battezzato come gli imprescindibili. E non è un caso che anche in quell'occasione, fraintendendo la frase, Medel fosse scattato per difendersi. La loro grinta non sta mancando, è solo da incanalare e trasferire a tutto il gruppo. 


Acquista ora il tuo biglietto! Vivi la partita direttamente allo stadio.

Bologna, i migliori video

Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti