Corriere dello Sport

Cagliari

Vedi Tutte
Cagliari

Serie A Lopez: «Cagliari, non far ragionare la Juventus»

Serie A Lopez: «Cagliari, non far ragionare la Juventus»
© Getty Images

Il tecnico: «Dovremo fare meglio rispetto alle ultime tre partite, in entrambe le fasi, per cercare di fare punti»

Sullo stesso argomento

 

venerdì 5 gennaio 2018 14:13

CAGLIARI - "Abbiamo fatto meglio nella fase di non possesso rispetto a Roma, in fase di possesso è stata la gara che avevamo preparato. E se fossimo andati al riposo sul 3-0 non avremmo rubato nulla". Il tecnico del Cagliari, Diego Lopez, si prepara alla prossima gara contro la Juventus, con un piccolo flashback sulla prova con l'Atalanta: "Non possiamo giocare a viso aperto contro tutti, mi dispiace che vengano tolti dei meriti ai ragazzi: a Bergamo avevamo preso delle contromisure, ci eravamo preparati sui loro punti deboli: il primo gol, ad esempio, non è stato casuale, sapevamo che l'Atalanta lasciava spazio sul secondo palo e abbiamo lavorato su questo. Poi è normale che l'Atalanta sia venuta fuori nel secondo tempo”.

TUTTO SUL CAGLIARI

VERSO LA JUVENTUS - "Dobbiamo dare il 110%. Dovremo fare meglio rispetto alle ultime tre partite, in entrambe le fasi, per cercare di fare punti: contro una squadra come la Juventus non puoi permetterti di fare regali, altrimenti ti punisce. Arriviamo da una grande prestazione, ma dobbiamo migliorare. Sarà fondamentale metterci tanta determinazione, non fare ragionare la Juventus: chiaramente non puoi farlo per 90', bisognerà sapere leggere i momenti della partita. Noi siamo pronti per affrontare questa sfida".

PROBABILI FORMAZIONI

SARDEGNA ARENA - “Questa è una partita che si carica da sola, ma sappiamo di avere la gente della nostra parte. Dobbiamo renderli orgogliosi, dando il massimo, difendendo bene ma anche cercando di andare a segnare. I tifosi ci stanno sempre vicini, sia in casa che in trasferta: sarà così anche stavolta. Le squadre della prima parte della classifica stanno andando forte ma dobbiamo cercare di fare punti anche contro di loro. Difficile, ma non impossibile”.

LA SOSTA - "La prendo come se fosse una sosta per le Nazionali. Possiamo staccare ma non troppo perché si torna subito a giocare e arriveranno presto partite importanti".

Articoli correlati

Commenti