Fiorentina, Iachini: "L'attaccamento di Chiesa è totale, se sta bene gioca"

Il tecnico viola: "Sampdoria? Viene da due sconfitte bugiarde, Ranieri è un maestro: è la partita più pericolosa di questo periodo. Valutiamo le condizioni di Ribery, Pezzella e Borja Valero"
© Roberto Bregani/Massimo Sestini

FIRENZE - Alla vigilia della sfida di domani contro la Sampdoria, che aprirà la terza giornata di Serie A, il tecnico della Fiorentina Beppe Iachini ha parlato in conferenza stampa: "Siamo tornati da Milano un po' acciaccati. Vediamo oggi e domani mattina come stanno Pezzella, Chiesa, Ribery e Borja Valero. Li proveremo tutti e quattro e poi capiremo chi potrà giocare". Sulla possibilità che Chiesa lasci i viola: "Lo abbiamo visto anche a Milano, sta in formissima ed è coinvolto nel progetto. Mi auguro che il fastidio di sabato sia superato. Il suo attaccamento al club fin dal settore giovanile è totale. Lui è della Fiorentina e nel momento in cui vedremo che sta bene, giocherà. Ha un buon 90% di possibilità di giocare. Ribery? Non lo so. Sono sue le sensazioni e quelle del medico a contare. Stesso discorso per Pezzella. Chiunque andrà in campo dovrà dare tutto per la squadra e per far sì che venga giocata una grande partita".

D'Ambrosio e Lukaku ribaltano la Fiorentina. L'Inter di Conte può gioire
Guarda la gallery
D'Ambrosio e Lukaku ribaltano la Fiorentina. L'Inter di Conte può gioire

"Con l'Inter abbiamo fatto una grande partita ma abbiamo commesso qualche sbavatura che ci ha portato a prendere gol. Quando hai di fronte l'Inter, il primo errore porta a un gol subito. Dobbiamo riprendere il percorso di solidità e attenzione nell'arco dei 95 minuti che abbiamo sempre portato avanti. Dobbiamo anche essere più concreti sotto porta. Non colpevolizzerei i miei ragazzi in modo particolare, sono sul trampolino di lancio. L'anno scorso Vlahovic a Napoli è entrato e ha segnato. Domenica invece, ha sbagliato il primo stop non ha segnato. Fa parte della sua crescita". Un parere anche sui 5 cambi: "Abbiamo giocato contro l'Inter e ci può stare che abbiano dei cambi molto importanti. E' chiaro che possano aver inciso di più rispetto ad altre squadre. Quest'anno, con la preparazione breve, ci sta che nel finale ci sia un calo da parte di qualcuno. Tutti devono cambiare e quando affronti l'Inter e i suoi cambi di alto livello, è chiaro che tu possa pagare qualcosa. Ieri hanno giocato cambiando 7 giocatori e hanno vinto bene. Stiamo cercando di arricchire la rosa proprio in virtù di questa nuova regola".

Sulla gara contro la Sampdoria: "E' la gara più pericolosa di questo primo periodo. Sia perché abbiamo qualche situazione fisica dopo l'Inter e sia perché ci sono tante richieste per i nostri calciatori dopo un ottimo lavoro da parte nostra. Questo ci rende orgogliosi da un lato, ma dall'altro la partita può diventare pericolosa. Con i ragazzi mi sono fatto sentire più volte. La società sta verificando cosa si può fare e le opportunità verranno colte. Affronteremo una squadra che ha qualità ed è organizzata da un allenatore che è un maestro. Bisognerà fare una partita molto importante e al di sopra delle righe sotto l'aspetto tattico ma anche mentalmente visti tutti i movimenti del mercato. Le due sconfitte della Samp sono bugiarde". Chiusura sui tifosi: "Si sono resi contro che la squadra ha voglia di fare. La Viola vuole avere sempre la giusta mentalità e personalità. Vogliamo portare a casa più punti possibili in ogni gara e l'atteggiamento con l'Inter lo ha fatto capire. Ci saranno momenti più ostici, visto che stiamo crescendo e dobbiamo continuare a crescere. Il nostro percorso ci deve portare alla fine del campionato giocandoci una posizione di classifica migliore dell'anno scorso".

"Giusto il rinvio di Genoa-Torino, sarebbe stata partita falsata"

Su Igor: "Si gioca in undici e se quindi lui ora non gioca, magari lo diremo per un altro nelle prossime settimane. Oggi c'è un trio di ragazzi che giocano in difesa ma io ho la massima fiducia in lui. Sta lavorando e sicuramente entra nel conto dei centrali e non degli esterno". Sul rinvio di Genoa-Torino, Iachini dice la sua: "Sono decisioni che spettano agli organi di governo che ascoltano le valutazioni degli esperti, però se ti mancano 13-14 giocatori, che partita è? E' una partita falsata. Il rinvio ci può stare perché non sarebbe stata una partita leale o corretta. Avresti dovuto mandare in campo la primavera e sarebbe stata un'altra partita. Può succedere a tutte le squadre anche se ci auguriamo che non succedano più a nessuno. Speriamo che possano trovare una cura anche per riportare le persone allo stadio, sarebbe bello".

Juve, si complica la strada che porta a Chiesa
Guarda il video
Juve, si complica la strada che porta a Chiesa

Commenti