Fiorentina, Prandelli punta le 100 vittorie in Serie A con i viola

Il tecnico conta 96 successi tra il 2005 e il 2010. Dopo la sosta c'è il Benevento, e Cesare non si fida delle matricole
Fiorentina, Prandelli punta le 100 vittorie in Serie A con i viola© ANSA
TagsSerie AFiorentinaPrandelli

FIRENZE - Cesare Prandelli viaggia di rincorsa e adesso punta a chiudere quanto prima il cerchio. E’ l’allenatore della storia della Fiorentina ad aver messo insieme più panchine di tutti, 240 in tutte le competizioni, persino più di Fulvio Bernardini (195 totali) che a Firenze ha portato il primo scudetto, e soprattutto quello che punta a tagliare (intanto) quanto prima il traguardo delle 100 vittorie viola in A. E’ a 96 successi in 190 partite seduto in panchina viola nella massima serie e l’ultimo è… vecchio di più di dieci anni (28 marzo 2010, 4-1 contro l’Udinese al Franchi). C’è da riavvolgere il nastro il prima possibile, anche per restituire orgoglio e sorriso alla città. L’ultima vittoria di Ribery & Co. - la seconda in campionato nella stagione in corso - è del 28 ottobre, al Franchi con l’Udinese che il 25 novembre sarà avversario del quarto turno di Coppa Italia. In panchina c’era Iachini: ora Cesare, per tornare a far “cantare” quel motore che lo stesso tecnico, nel giorno della sua presentazione, ha definito "grande", deve trovare il prima possibile l’alchimia giusta.

La Fiorentina ci prova, Sepe para sempre: 0-0 a Parma
Guarda la gallery
La Fiorentina ci prova, Sepe para sempre: 0-0 a Parma

Di fronte, alla ripresa dopo lo stop per le Nazionali, ci sarà un Benevento reduce sì da 4 ko consecutivi, ma che, anche se appena arrivato in A, non potrà essere sottovalutato. Quest’anno, per esempio, con lo Spezia, altra neopromossa, nonostante due gol realizzati dai viola nel giro di un pugno di minuti, la Fiorentina è progressivamente sparita fino a subire la seconda rimonta (dopo quella con l’Inter) stagionale. E non è andata meglio nel campionato scorso, quando l’unico successo (su sei incroci) contro una matricola è arrivata col Lecce, nel post lockdown, dopo aver messo insieme tre pareggi e due sconfitte (contro il Verona in trasferta e coi salentini in casa). Il pericolo degli “esordienti”, Prandelli, lo ricorda bene anche dalla sua penultima stagione proprio sulla panchina viola. Alla sosta invernale del campionato 2008/09, la Fiorentina era quarta in classifica, a -1 dal Milan terzo e con 2 punti di vantaggio sul Napoli quinto. Il ko interno nella prima gara del nuovo anno contro il Lecce allenato da Mario Beretta, costò ai viola il sorpasso dei partenopei e l’aumento del distacco dai rossoneri.

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti