Fiorentina, Kokorin e il passato tra spogliarelliste e pistole

Il nuovo attaccante viola ha una vita da bad boy alle spalle tra serate in discoteca, aggressioni, carcere e proiettili
Fiorentina, Kokorin e il passato tra spogliarelliste e pistole

Kokorin sarà presto un nuovo giocatore della Fiorentina. L'annuncio l'hanno dato lo stesso calciatore e lo Spartak Mosca sul proprio sito, ufficializzando l'imminente arrivo dell'attaccante a Firenze per le visite mediche. Prandelli spera di rimettere la sua squadra in carreggiata grazie al talento russo, che in passato è rimasto coinvolto in qualche situazione extracampo di troppo.

Kokorin, l'ex bad boy che piace alla Fiorentina
Guarda la gallery
Kokorin, l'ex bad boy che piace alla Fiorentina

Kokorin bad boy: carcere, spogliarelliste e pistole

Una vita da bad boy: dal carcere alle pistole, passando per le spogliarelliste, fino alle serate in discoteca. C'è un po' di tutto nel passato burrascoso che Kokorin ha spesso affiancato al pallone. Nell'ottobre del 2018 è finito in galera per un’aggressione ad un funzionario russo all’interno di un bar. In quell'occassione venne arrestato anche Pavel Mamaev, suo compagno di nazionale con cui Kokorin si è reso protagonista di un'altra aggressione e di una notte brava in discoteca dopo gli Europei del 2016. Quando è stato dentro ha disputato partite con gli altri detenuti, poi la rinascita con il Sochi e lo Spartak Mosca. Nel 2014 giravano foto del futuro attaccante viola con alcune spogliarelliste, invece nel 2017, al matrimonio dell’amico Alan Chochiev, aveva pubblicato una storia su Instagram mentre sparava colpi di pistola in aria per festeggiare l’evento, facendo infuriare lo Zenit, al tempo la sua squadra. Roba del passato che la Fiorentina adesso spera di non rivedere.

Corriere dello Sport in abbonamento

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti