Fiorentina, il mercato si scalda: l'obiettivo è un attaccante

L'addio di Kokorin sembra ormai certo: Joao Pedro è uno degli indiziati a sostituirlo, ma c'è anche l'ipotesi Piatek
Fiorentina, il mercato si scalda: l'obiettivo è un attaccante

FIRENZE - L'arrivo di Ikoné non sarà l'unico in questa finestra di mercato, per la Fiorentina. La dirigenza viola, dopo aver speso 15 milioni per regalare ad Italiano l'ex Lille, sta ora lavorando per programmare il dopo Vlahovic. Serve dunque un attaccante centrale alla Viola, che sta tenendo d'occhio il cagliaritano Joao Pedro (che però costa troppo, secondo le valutazioni fatte a Firenze) ma non solo. Toni Martinez del Porto e Augustin Alvarez Martinez (che potrebbe rimanere in prestito alla sua attuale squadra fino alla prossima estate) del Penarol solo altri due nomi che stuzzicano la dirigenza gigliata, come anche quello di Borja Mayoral, che però Mourinho sembra intenzionato a trattenere alla Roma. Appare suggestiva l'ipotesi Piatek: il polacco non ha sfondato all'Hertha Berlino e potrebbe arrivare ad un prezzo ragionevole con tante motivazioni per rilanciarsi. Prima, però, la Fiorentina deve fare cassa. L'indiziato numero uno a partire è quel Kokorin che, con 195 minuti messi insieme nella prima parte di stagione, ha capito di non aver convinto né l'allenatore né la società a puntare su di lui. Il Khimki potrebbe riportarlo in patria, in Russia, ma non è da escludere anche un'ipotesi Emirati Arabi per lui. Sulla lista dei partenti c'è anhe Ambrabat, che Juric sembra intenzionato a portare a Torino, anche se nulla si è ufficialmente mosso finora. Il giocatore nelle prossime settimane sarà impegnato in Coppa d'Africa col Marocco: al suo ritorno si deciderà il da farsi.

Vlahovic a secco, Castrovilli salva la Fiorentina: 1-1 a Verona
Guarda la gallery
Vlahovic a secco, Castrovilli salva la Fiorentina: 1-1 a Verona

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti