Corriere dello Sport

Inter

Vedi Tutte
Inter

Inter, Ausilio: «Siamo soddisfatti del lavoro di Mancini»

Inter, Ausilio: «Siamo soddisfatti del lavoro di Mancini»
© Inter via Getty Images

Il ds nerazzurro in conferenza stampa, al posto del tecnico squalificato: «Domani giocherà Icardi. Banega e Lavezzi? Stiamo seguendo tanti giocatori. Pirlo non è mai stato vicino»

Sullo stesso argomento

 

martedì 2 febbraio 2016 16:24

MILANO - «Domani contro il Chievo è una partita importante perché dobbiamo vincerla. Non posso dare cinque titolari, ma ve ne do uno: Icardi gioca. Vorrei ripartire da un bell'1-0, risultato tanto criticato che vale sempre tre punti». Lo ha detto il ds dell'Inter Piero Ausilio alla vigilia del match contro il Chievo, sostituendo lo squalificato Mancini in conferenza. Il ds ha poi parlato di mercato: «Pirlo non è mai stato vicino all'Inter. Volevamo un centrocampista ma per costi e qualità non abbiamo individuato alcun giocatore che potesse fare al caso nostro. Siamo convinti di avere una rosa idonea per completare la stagione. Il mercato è stato concordato con il tecnico e la società. Potevamo prendere un solo giocatore e abbiamo ritenuto opportuno che fosse più importante il reparto offensivo, per questo è arrivato Eder. Banega e Lavezzi? Stiamo seguendo tanti giocatori. Avremo un piano A e un piano B, la presenza in Champions cambierebbe le nostre strategia. L'Inter ha firmato un contratto con la Uefa e vuole rispettare i parametri del Fair Play Finanziario».

AVANTI CON MANCIO - Su Mancini: «Lui è contento e noi siamo contenti. Mi fa sorridere che, quando perdi il derby e con la Juve, in Italia si cercano argomenti che non hanno a che vedere con il campo. Noi siamo concentrati sulle cose serie e Mancini non è nervoso, è tranquillo». Ausilio, poi, è tornato a parlare degli arbitraggi: «Non siamo qui a sentirci delle vittime. Quello che dovevamo dire è stato detto. Abbiamo le nostre responsabilità per le difficoltà di questo mese. Nel derby c'era un'espulsione per il Milan e sono convinto che, in superiorità numerica, la partita sarebbe stata differente».

Articoli correlati

Commenti