Corriere dello Sport

Inter

Vedi Tutte
Inter

Spalletti: «Non dite che l'Inter è guarita»

Spalletti: «Non dite che l'Inter è guarita»
© ANSA

Il tecnico nerazzurro: «Il campionato ha ancora da dire tante cose e dobbiamo restare attivi». Icardi: «E' stata una giornata perfetta»

 

sabato 31 marzo 2018 17:37

MILANO - "L'Inter ha avuto un impatto forte sulla partita, corretto, era quello che dovevamo fare per preservare le energie. Abbiamo avuto la possibilità di gestire bene proprio per questo impatto, abbiamo fatto bene, tranne qualche imbucata negli ultimi metri e non abbiamo usufruito degli spazi che l'Hellas lasciava per recuperare. Se siamo guariti? No, assolutamente no. Siamo una squadra che a volte ha dei momenti che ha uno scorrimento in base a quello che è ciò che sta vivendo: bisognerà rimanere concentratissimi, vogliosi, alzandosi per determinare giorno dopo giorno il nostro ruolo". Così Luciano Spalletti, ai microfoni di Premium Sport, dopo il 3-0 al Verona che certifica l'ottimo momento nerazzurro.

Icardi è uscito per qualche acciacco, nessuna preoccupazione per l'allenatore interista: "Non è il ginocchio, i calciatori a questo punto del campionato hanno un po' di accumulo di fatiche, lui si è un po' arrabbiato perché voleva giocare, era determinato, ma ho preferito far così per scrupolo di precauzione - assicura l'allenatore di Certaldo -. Se sono più dottore o medicina? Nessuno dei due, mi sento allenatore di una squadra forte che a volte perde continuità, devo cercare soluzioni e una condotta, una scelta in cui tutti possono sentirsi coinvolti e riescono a dare il meglio di se stessi. Se oggi sul finale della gara con tutti gli spazi che avevamo si passava 2-3 palloni in maniera corretta e precisa riuscivamo a dare qualche gioia in più al nostro pubblico, non ci siamo riusciti, abbiamo fatto gol quando il momento è più carico di difficoltà...Bisogna rimanere belli attivi, belli accesi perché il campionato ha ancora da dire molte cose".

ICARDI: «UNA GIORNATA PERFETTA» - "Sì, è una giornata perfetta, non per i miei gol ma perché la squadra ha vinto. Abbiamo fatto qualcosa di buono, dato continuità alla vittoria con la Samp e al pareggio con il Napoli. Ci voleva questa vittoria e poi sono contento per il gol più veloce in carriera. Se ci siamo sbloccati? Non lo so se è la conferma, siamo consapevoli che dobbiamo fare bene, manca poco e dobbiamo arrivare in Champions. Arriviamo con la testa giusta al derby, sicuramente, abbiamo pochi giorni per lavorare ma lo faremo nel migliore dei modi". A dirlo Mauro Icardi ai microfoni di Sky Sport dopo il 3-0 al Verona, frutto anche della doppietta del suo capitano. "Rafinha? Non penso sia un caso che con lui si vada meglio, è un giocatore che ci dà tantissimo, ci aiuta tanto con tecnica e qualità, e anche noi lo aiutiamo - aggiunge Icardi -. Se c'è lo zampino di Messi nella mia non convocazione in Nazionale? Non lo so, io faccio il mio meglio qua e lavoro per l'Inter, arrivare in Nazionale sarà un premio. Se non ci riuscirò devo pensare a far bene qua". (ha collaborato Italpress)

Articoli correlati

Commenti