Inter, Marotta: «Siamo indietro rispetto all'Europa che conta»
© LAPRESSE
Inter
0

Inter, Marotta: «Siamo indietro rispetto all'Europa che conta»

Il ds nerazzurro: «Gli stadi servono sia per i ricavi che per il senso di appartenenza. Bilancio o vittorie? I tifosi pensano solo a vincere, ma le società devono avere programmi di lunga durata»

VENEZIA - “Una volta le società di calcio erano diverse, negli almanacchi Panini c'erano poche righe sull'organigramma societario. Ora il discorso è cambiato, così come il calcio". Queste le parole del ds dell'Inter Beppe Marotta a margine dell'evento "Le sfide del calcio italiano". "Io faccio il dirigente sportivo da 42 anni - prosegue - ed ho attraversato le varie epoche. Stadi? Hanno un'importanza enorme, sia per il senso d'appartenenza che per i ricavi. In Italia siamo indietro in questo senso rispetto all'Europa che conta. Serve costruire dei poli, non cattedrali nel deserto: bisogna fare tutto con lungimiranza. Bilancio in positivo o vittorie? I tifosi preferirebbero certamente le vittorie, ma una società deve avere programmi a lunga durata. Ambiente? Spesso condiziona, a volte si cambia allenatore solo per un periodo negativo, invece bisogna essere razionali e capire che non è sempre lui il capro espiatorio. Serve la cultura della sconfitta e tutta questa esposizione mediatica non aiuta. Manca il senso critico e si attacca tutto e tutti - conclude Marotta -".

Tutte le notizie di Inter

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti

SERIE A - 12° GIORNATA
VENERDÌ 08 NOVEMBRE 2019
Sassuolo - Bologna 3 - 1
SABATO 09 NOVEMBRE 2019
Brescia - Torino 0 - 4
Inter - Verona 2 - 1
Napoli - Genoa 0 - 0
DOMENICA 10 NOVEMBRE 2019
Cagliari - Fiorentina 5 - 2
Lazio - Lecce 4 - 2
Sampdoria - Atalanta 0 - 0
Udinese - Spal 0 - 0
Parma - Roma 2 - 0
Juve - Milan 1 - 0

Calciomercato in Diretta