Javier Zanetti: “Ho aspettato tanto per vincere con l'Inter, ma ne è valsa la pena”

Lo storico capitano argentino è stato il protagonista del format di Inter Tv 'Careers' dove, guardando alcune immagini, ha raccontato il meglio e il peggio in nerazzurro
Javier Zanetti: “Ho aspettato tanto per vincere con l'Inter, ma ne è valsa la pena”© LAPRESSE
8 min
TagsZanettiFacchetti

Javier Zanetti, storico capitano argentino dell'Inter, oggi è vice presidente della squadra nerazzurra. È stato lui il protagonista del format di Inter Tv 'Careers' dove, attraverso alcune immagini, ha raccontato la sua storia con il Biscione. Prima di lui era stata la volta di un'altra anima a tinte nerazzurre, ossia Nicolino Berti.

Zanetti: “Facchetti una grandissima persona”

Comincia dall'inizio con l'Inter, Zanetti: “Bellissimo ricordo, era la mia presentazione con Sebastian Rambert. C'era una grande persona come Giacinto Facchetti, che ha fatto la storia del club. E' stato il mio primo impatto con l'Italia, questa foto rappresenta l'inizio della mia carriera all'Inter. Era la prima volta che indossavo un abito, in Argentina lo usavi solo per le grandi feste. Quando ho saputo che l'Inter mi aveva preso ho dovuto comprarmi un abito che mi costò anche caro. Rambert lo sento ogni tanto, è il vice di Ramon Diaz. C'è un bellissimo rapporto, per entrambi era un sogno arrivare all'Inter. Era lui il più forte in quel momento, in quel momento ero uno sconosciuto mentre lui era stato capocannoniere in Argentina. Però ho avuto la felicità di iniziare a giocare e di non fermarmi più. Io come Facchetti? Parlare di Giacinto è una grande emozione, da quando l'ho conosciuto ho capito che si trattava di una grandissima persona. La sua presenza ad Appiano valeva il rispetto di tutti. Mi ha insegnato tanto, mi manca tanto; avrò sempre un grandissimo ricordo".

Zanetti: “Il gol in finale Uefa? Condiviso con la famiglia, il massimo”

Si passa alla vittoria della Coppa Uefa del 1998 a Parigi contro la Lazio. Zanetti si improvvisa anche goleador: “Fu una rivincita dopo aver perso con lo Schalke. Non è mai facile fare due finali internazionali di seguito, per noi era una notte sognata. Non ho fatto tanti gol e questo è stato molto importante. Era il gol del 2-0, che ci metteva in tranquillità. In tribuna c'era anche la mia famiglia, condividere con loro e coi tifosi questa immensa felicità per me è stato il massimo. Il gol? Stava calciando Diego Simeone, io gli urlo di lasciarmela. Lui mette la gamba dietro e io col destro la mando all'incrocio. Rivedendo i filmati vedo la faccia del presidente della Lazio Sergio Cragnotti che non poteva credere a un gol così. Quella Inter la ricordano tutti perché era un bel gruppo, Gigi Simoni era il nostro condottiero; ci guardava come dei figli, avevamo valori umani immensi. Questo gruppo ha vinto la Coppa Uefa perché eravamo uniti. Potevamo vincere di più, poi abbiamo capito perché non accadde. Ma lasciavamo tutto sul campo. Su WhatsApp ora Francesco Moriero ci manda le foto delle Maldive...".

Zanetti: “Maldini? Sempre grande amicizia con lui”

Dopo Facchetti, un altro uomo che Zanetti stima molto è stato a lungo un avversario dei derby di Milano: Paolo Maldini. “L'ho sempre ammirato, con lui c'è sempre un grande rapporto dentro e fuori dal campo. Una persona reale, molto rispettosa. Abbiamo fatto tantissimi derby e lui difendeva la maglia e la storia del club come facevo io, però rimane sempre questa grande amicizia”.

Zanetti: “L'avversario più grande Baggio, ma anche un grande amico”

Ha affrontato tanti attaccanti forti Zanetti: “L'avversario più grande? Ho giocato contro grandissimi campioni, mi viene in mente umanamente Roberto Baggio: anche con lui c'è un grandissimo rapporto, abbiamo creato una grande amicizia quando è arrivato. Da avversario non era mai semplice affrontarlo. Poi penso a Zidane, Ryan Giggs, Lionel Messi che ho affrontato in Champions in una partita dalla posta in gioco molto grande. Ma al di là di quello che danno in campo, sono tutti grandi persone".

Zanetti: “Derby Champions? Che tensione che c'era”

L'atmosfera di un paio di derby torna alla mente di Javier Zanetti: “Sono sempre partite molto sentite, le emozioni che provi in un derby difficilmente le provi in un'altra partita. Vedere San Siro pieno è una sensazione unica. Ricordo i derby di Champions quando fummo eliminati per due pareggi: in quelle due settimane c'era una tensione incredibile a Milano, ovunque andavi ti facevano capire l'importanza di quella sfida".

Zanetti: “Con gli argentini all'Inter ci sentivamo a casa”

L'Inter degli argentini era quella di Zanetti: Cambiasso, Samuel e Milito sono come fratelli, tutte persone che hanno dato tutto per l'Inter. Noi nell'Inter non ci sentivamo stranieri, era la nostra casa e la nostra famiglia. Volevamo solo scrivere pagine importanti della storia del club. Abbiamo vinto tutto perché eravamo grandi uomini prima ancora che grandi calciatori. Ci aiutavamo, era un gruppo molto generoso. Eravamo guidati da grandi allenatori che ci facevano andare oltre le nostre possibilità".

Zanetti: “A chi oggi è triste per una partita persa, ricordo la resilienza Inter”

Oggi Zanetti, da dirigente, cerca di inculcare nei giocatori la fiducia e la consapevolezza di essere in una grande squadra: “Quando parlo coi ragazzi di ora, che magari dopo una sconfitta si abbattono, dico sempre che l'Inter è resiliente. E glielo dice uno che in tanti anni ha vinto solo una Coppa Uefa, ha visto vincere sempre gli altri ma dicevo anche al presidente Massimo Moratti che il nostro momento sarebbe arrivato, e il tempo mi ha dato ragione".

Zanetti: “Non piansi all'ultima a San Siro, volevo godermi tutto”

Il giorno dell'addio a San Siro: “Uno dei momenti più emozionati della mia carriera. Fu molto emozionante, c'erano tutti: quella notte lì fu la fine di una carriera piena di emozioni, mi tengo tutti i momenti, specie i più difficili perché mi hanno aiutato tantissimo prima di vincere tutto quello che ho vinto. Mi sono venute in mente tutte le cose che ho fatto per 20 anni, tutti i chilometri, le partite, le persone; sarei uscito dallo stadio ad abbracciare tutti i tifosi perché anche adesso mi dimostrano affetto ed è la cosa più bella che mi riconoscano per quello che ho dato”.

Niente lacrime quel giorno: “Il pianto era dentro, ero emozionato ma ho pianto prima e dopo. In quel momento me la volevo godere guardando San Siro strapieno".

Zanetti: “Momento peggiore il 5 maggio, il migliore Madrid”

Momenti belli e brutti, scolpiti nella memoria del capitano: Quello brutto il 5 maggio; fu difficile, triste, durissimo perdere lo scudetto all'ultima giornata dopo essere stati in testa tutto il campionato. Il calcio ci diede le spalle. Quello bello è sicuramente la notte di Madrid, lì abbiamo coronato un sogno".

Zanetti: “L'ultima vittoria in Supercoppa del gruppo”

Le ultime vittorie, quella in Supercoppa con la Juve: “Una vittoria sofferta, in questa foto c'è il lavoro di chiunque per far sì che la squadra renda al meglio. Mi auguro che sia sempre così, che ci sia unione di intenti perché l'Inter abbia sempre serate così. La vita ora è diversa, ma mi piace perché sono legato sempre all'Inter. Faccio tutto con passione, non ci sono interessi personali". Perché oggi Zanetti è “una persona vera, che cerca sempre di trasmettere a chi ha accanto quello che è, Uno che ha esaudito tanti sogni che aveva da bambino”.

Da Totti a Zanetti, quante stelle a San Siro per l'Integration Heroes Match
Guarda la gallery
Da Totti a Zanetti, quante stelle a San Siro per l'Integration Heroes Match

Inter, i migliori video

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti