Corriere dello Sport

Juve

Vedi Tutte
Juve

Juventus, Morata: «Ridatemi la finale di Champions League!»

Juventus, Morata: «Ridatemi la finale di Champions League!»
© LaPresse

L'attaccante bianconero: «Vorrei rigiocare contro il Barça per vincere la Champions. Il mio idolo è Raul, vorrei rimettere la maglia numero 7, magari il prossimo anno me la darà Zaza»

 

mercoledì 30 marzo 2016 19:49

TORINO - «La partita che rigiocherei? Sicuramente la finale di Champions League per provare a vincerla stavolta». Così Alvaro Morata ha parlato a Vinovo, in conferenza stampa per i giovani Junior Member della Juventus. L'attaccante bianconero ha poi parlato del gol realizzato al quale è più affezionato: «Quello al Bernabeu contro il Real, perché ho sentito tanta gente felice di tornare in finale di Champions, dopo tanti anni. Di sicuro quel gol mi ha regalato tantissime emozioni». 

FOTO, MORATA CON I BABY TIFOSI

«LA JUVE E' UNA FAMIGLIA» - Morata ha poi parlato dei suoi idoli: «Giocando a Madrid il mio modello da bambino era ovviamente Raul. Il mio numero di maglia preferito è il 7, il suo: chissà magari con Zaza, mio compagno di camera, ce lo scambieremo l’anno prossimo. Ho scelto il 9 perché era libero ed è una responsabilità per via dei tanti grandi campioni passati alla Juve con quel numero», ha proseguito il bomber della Juve. «Consigli per diventare un campione? La cosa principale è divertirsi. Bisogna anche andare a letto presto prima delle partite. Si devono fare dei sacrifici che però sono facilmente gestibili visto che questo sport è magnifico». La Juventus, secondo Morata è una grande famiglia: «Il segreto del gruppo è non pensare ognuno ai fatti propri. Ognuno deve sempre essere disponibile per i compagni di squadra, e dare loro una mano. È un bene remare tutti nella stessa direzione. Questo atteggiamento alla Juve lo vedete dopo ogni gol: esultiamo tutti come se il gol fosse nostro. Qui non è solo una squadra di calcio, ma una vera e propria famiglia e io sono contento di farne parte», ha concluso Morata. 

JUVE, NIENTE DI GRAVE PER BONUCCI

Articoli correlati

Commenti