Corriere dello Sport

Juve

Vedi Tutte
Juve

Marchisio carica la Juventus: «Possiamo migliorare ancora»

Marchisio carica la Juventus: «Possiamo migliorare ancora»
© LaPresse

Il centrocampista bianconero: «Si arriverà ad un momento dell'anno in cui si alzerà il livello e dovremo essere perfetti per raggiungere i nostri obiettivi»

Sullo stesso argomento

 

lunedì 31 ottobre 2016 22:56

TORINO - «Ogni anno bisogna sempre cercare di migliorarsi. Siamo ancora all'inizio, ma abbiamo già giocato un numero importante di partite, cosa che ci permette di poter lavorare durante la settimana per andare a rivedere alcune situazioni di gioco in cui questo gruppo, con la qualità che ha, può ancora fare di più. Si arriverà ad un momento dell'anno in cui le partite saranno talmente tirate, e le squadre che incontreremo saranno talmente importanti, che si alzerà il livello e dovremo essere perfetti per raggiungere i nostri obiettivi». Così il centrocampista della Juventus, Claudio Marchisio, parla, ai microfoni di Jtv, della situazione dei bianconeri in campionato e nel girone di Champions League.

Il RIENTRO - «Riassaporare lo Stadium, i compagni, la vittoria, è una sensazione unica. Stare fuori tanti mesi non è facile, ti manca il tuo lavoro, il tuo ambiente e non vedi l'ora di riassaporare queste sensazioni. Sono emozioni che mi porterò dentro per sempre, non me l'aspettavo così, è vero che la partita è andata bene ed ero molto contento del mio rientro in campo ma quel momento, quando è arrivato, è stato davvero emozionante».

L'ANTI-JUVE - «La vera anti-Juve? Guardando la classifica, verrebbe da dire la Roma, ma siamo all'inizio e il Napoli quest'anno ha una rosa molto importante, può fare bene e può recuperare. La Roma stessa, comunque, ha pareggiato ad Empoli giocando molto bene, anche se alla fine delle partite quello che conta sono sempre i tre punti».

LA FOTOGRAFIA DI JUVE-NAPOLI - «Dopo il gol di Higuain? E' una cosa fondamentale: come durante la partita, anche alla fine, bisogna godersi sempre tutto. Fare un gol, vincere un contrasto, ma anche andare ad esultare alla fine coi tifosi: sono momenti che passano in fretta, durano poco, ma bisogna viverli uniti, festeggiando, perché una vittoria è sempre importante e perché vittoria dopo vittoria si raggiungono grandi traguardi. Gonzalo ha segnato e non ha voluto esultare per rispetto della sua ex squadra, ma da parte nostra volevamo “caricarlo a molla” per il gran gol importante che ha fatto, e per i tre punti, ancora più importanti!».

DYBALA: «PER FARE IL CALCIATORE HO RINUNCIATO A TANTO»

CUADRADO SUL LIONE

Articoli correlati

Commenti