Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Il padre di Kean: «Moise tifava Inter. Il suo idolo? Martins. La Juve mi deve due trattori»
© Getty Images
Juventus
0

Il padre di Kean: «Moise tifava Inter. Il suo idolo? Martins. La Juve mi deve due trattori»

In diretta al programma radio 'Un Giorno da Pecora', il padre dell'attaccante bianconero ammette: «La società non mi dà più i biglietti per lo Stadium. Non mi vogliono più ricevere, ma spero che mio figlio resti a vita»

ROMA - Biourou Jean Kean, il padre dell’attaccante della Juventus, è intervenuto ai microfoni di Rai Radio1 durante il programma 'Un Giorno da Pecora'. “Ringrazio Dio per il primo gol in Nazionale di mio figlio: è una gioia per tutta la famiglia. Quando ha segnato ho urlato ‘Bravo!!’”. 

DERBY D’ITALIA IN FAMIGLIA – Il padre di Moise non ha parlato solo del battesimo in azzurro del centravanti bianconero, ma anche di qualche retroscena della vita familiare. “Quando mio figlio era piccolo tifava Inter, perché gli piaceva Oba Oba Martins. Mi chiedeva sempre di comprargli la maglia del suo idolo. Ora il suo giocatore preferito è Balotelli, anche se io gli ho consigliato di non copiare in tutto e per tutto SuperMario”. 

ITALIA-LIECHTENSTEIN: QUAGLIARELLA E KEAN DALL'INIZIO

PROBLEMI CON LA JUVEDopo aver giocato nelle giovanili del Torino, Moise è passato alla Juventus“L’ho mandato alla Juve perché io sono tifoso bianconero”ammette il padre, il quale racconta anche dei problemi con la società: “Il club non mi dà più biglietti per andare allo stadioIl motivo è il seguente: “Io e la mamma di Moise siamo separati e lei, in passato, voleva portare il ragazzo in Inghilterra. Io le dissi che lo avrei fatto restare in Italia ma in cambio avrei voluto due trattori. La società mi disse che non ci sarebbero stati problemi. Invece non me li hanno ancora dati, non mi danno più biglietti e non mi ricevono neanche più”. Nonostante tutto, però, ammette: Io lo voglio per sempre alla Juve: sono nero e il mio sangue e bianco”. 

POLITICA – Oltre ai retroscena tra la famiglia Kean e la Juventus, il padre di Moise ha parlato anche delle proprie simpatie politiche: “Ho fatto la domanda, ma non ho ancora la cittadinanza italiana. Io mi considero leghista: mi piace la politica di Salvini e la Lega”. E sulla questione migranti aggiunge: “Sto cercando un’associazione per bloccare l’immigrazione dalla partenza. Sarebbe giusto aiutarli a casa loro”. 

SALVINI: «PAROLE DI BUONSENSO. GRAZIE»

Italia-Liechtenstein: Quagliarella e Kean dall'inizio

Vedi tutte le news di Juventus

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti