Conti alla Juve
© Juventus FC via Getty Images
Juventus
0

Conti alla Juve

Numeri juventini che incredibilmente si somigliano. Ma dietro questi numeri ci sono storie diverse, in un paio di casi romanzi, e programmi, ispirazioni e aspirazioni, rischi: 444 le partite giocate da Boniperti con la maglia della Juve; e 444, poi saliti a 581 nell’appello presentato al Consiglio di Stato, anche i milioni della richiesta danni avanzata alla federcalcio per Calciopoli; 464, sempre milioni, infine, i debiti finanziari al 30 giugno 2019, come indicato nella relazione approvata il 4 settembre sui conti semestrali di Exor, la holding delle famiglie Agnelli-Nasi che possiede il 63,77% del club – il bilancio, ricorda il Sole 24 Ore, sarà ufficializzato giovedì prossimo dal CdA.
Sulla stagione in corso Exor osserva che «l’esito della Champions League influenzerà in maniera significativa il risultato economico dell’esercizio 2019-20, che al momento è previsto si chiuda in perdita». Come i precedenti (-19,2 nel 2017 e - 40 nel 2018). In altre parole, per la società e non solo per i tifosi che la chiamano “ossessione”, questa edizione della coppa più prestigiosa e ricca ha (avrà) un valore e un’incidenza sui conti a dir poco eccezionali.
Il punto di svolta è stato Ronaldo, naturalmente. Dubito che l’estate scorsa, strappandolo al Real, Andrea Agnelli abbia fatto il passo più lungo della gamba e che Marotta fosse contrario all’operazione (l’ha peraltro negato con decisione): dopo sette scudetti di fila, che in seguito sono diventati otto, e due finali perse, il presidente ha voluto alzare notevolmente l’asticella con l‘acquisto elettrizzante per rendere la Juve sempre più internazionale (e meno italiana: a tutti gli effetti è una realtà a parte) avvicinandola sensibilmente alle dieci top (Real, Barcellona, le due di Manchester, Psg, il più virtuoso Bayern, Liverpool, Chelsea, Arsenal e Tottenham).
Sul piano dell’immagine il successo è stato strepitoso, meno entusiasmante su quello dei conti. Anche perché, attorno al Fenomeno, Paratici ha dovuto allestire un gruppo che oggi costa, quadri tecnici compresi, quasi 300 milioni l’anno (294). Invidiabili e invidiati i colpi a zero che l’uomo-mercato ha realizzato: ricordo però che ad ogni giocatore di qualità preso a parametro corrispondono commissioni elevatissime e stipendi altrettanto alti. Si spiegano soprattutto così le enormi diffi coltà che lo stesso Paratici ha incontrato per piazzare gli esuberi Mandzukic, Emre Can, Matuidi e Rugani, giocatori che per le altre italiane risultano ormai inaccessibili.
Tornando a Ronaldo, che sul bilancio pesa in media poco meno di 90 milioni a stagione, anche per lui la necessità di conquistare la fi nale di Istanbul è vitale. Così come lo è, evidentemente, per Maurizio Sarri, l’allenatore del bel gioco che avrebbe bisogno di più tempo per rimodulare la squadra, condannato a fare quello che non è riuscito a un vincente come Allegri: alzare la coppa delle grandi orecchie che da ventitré anni non vogliono ascoltare le preghiere juventine.

Tutte le notizie di Juventus

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti

SERIE A - 12° GIORNATA
VENERDÌ 08 NOVEMBRE 2019
Sassuolo - Bologna 3 - 1
SABATO 09 NOVEMBRE 2019
Brescia - Torino 0 - 4
Inter - Verona 2 - 1
Napoli - Genoa 0 - 0
DOMENICA 10 NOVEMBRE 2019
Cagliari - Fiorentina 5 - 2
Lazio - Lecce 4 - 2
Sampdoria - Atalanta 0 - 0
Udinese - Spal 0 - 0
Parma - Roma 2 - 0
Juve - Milan 1 - 0

Calciomercato in Diretta