Juventus
0

Juve indifesa: Bonucci e Rugani sotto accusa

Senza De Ligt il reparto arretrato della capolista balla fin troppo

TORINO - Il senso dell'operazione Matthjis De Ligt è emerso ancora una volta in sua assenza. Un investimento da 85,5 milioni di euro più 12 milioni di ingaggio (tra parte fissa e bonus) per cinque stagioni, che dopo un anno circa sembrano spesi nel migliore dei modi. Anche perché più De Ligt cresce e domina, più la Juve ne sembra dipendente. È bastata una sola partita da giocare senza di lui per riportare a galla tutti i limiti di un reparto che contro il Milan è apparso troppo brutto e fragile per sembrare vero. Errori individuali, errori di squadra, errori su errori insomma. Con una buona notizia: sabato contro l'Atalanta tornerà De Ligt. Per il resto c'è molto su cui riflettere.

Pagelle Milan-Juve: Bonucci e Sarri, che flop

Flop Rugani

Su Daniele Rugani per esempio. Perché a 26 anni quasi compiuti, il difensore bianconero sembra non essere migliorato rispetto a quello che da Empoli effettuava cinque anni fa il grande salto. Nel frattempo però è diventato un giocatore da 3,5 milioni netti a stagione, uno da quasi 100 presenze nella Juve. Che resta però ancorato in coda alle gerarchie di Maurizio Sarri come succedeva con Max Allegri. E che non ha mai fornito quelle sicurezze che dovrebbe in realtà dare dopo cinque anni di Juve, contro il Milan ha più o meno retto per un'ora e poi è colato a picco, pagando anche lo scotto degli zero minuti disputati da febbraio ma che in fondo sono lo specchio di quel che è riuscito a conquistarsi seppur alla corte di un suo mentore. Se non gioca mai, insomma, un motivo evidentemente c'è. E pure se alla fine Fabio Paratici non è riuscito ancora a venderlo dopo anni di tentativi (per quanto gli infortuni di Chiellini e Demiral lo avessero pure tolto dal mercato essendo arrivati fuori tempo massimo), qualche motivo evidentemente ci deve essere pure oltre quell'ingaggio monstre per una riserva

Tonali e Pinamonti, intreccio di mercato Juve-Inter

Mistero Bonucci

Riflessioni merita anche Leonardo Bonucci. Sulla carta leader di questa Juve, nei fatti da quando è tornato dal Milan sempre o quasi in difficoltà quando si ritrova a giocare senza Chiellini o De Ligt. Il rigore è un suo regalo più che una falla del regolamento, il raddoppio rossonero lo ha visto andare a spasso in maniera preoccupante, già a Lione era stato disastroso. Brutte prestazioni occasionali che possono capitare, la sua stagione in fondo resta positiva, non è stato facile resettare anni di difesa bassa per seguire i dettami sarristi: ma quando si ragiona sul fatto che dopo il rinnovo sia tornato a guadagnare oltre 7 milioni netti a stagione, non si può che notare questi preoccupanti passi indietro in assenza di un big al suo fianco. [...]

Leggi l'articolo completo nell'edizione odierna del Corriere dello Sport - Stadio

Juve indifesa: Bonucci e Rugani sotto accusa

Tutte le notizie di Juventus

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti

SERIE A - 1° GIORNATA
SABATO 19 SETTEMBRE 2020
Fiorentina - Torino 1 - 0
Verona - Roma 3 - 0
DOMENICA 20 SETTEMBRE 2020
Parma - Napoli 0 - 2
Genoa - Crotone 4 - 1
Sassuolo - Cagliari 1 - 1
Juve - Sampdoria 3 - 0
LUNEDÌ 21 SETTEMBRE 2020
Milan - Bologna 2 - 0
MERCOLEDÌ 30 SETTEMBRE 2020
Benevento - Inter 18:00
Udinese - Spezia 18:00
Lazio - Atalanta 20:45