Juventus
0

Agnelli: “Anno duro, ma nell'albo d'oro c'è scritto ancora Juve”

Il presidente bianconero prende la parola durante la conferenza stampa di presentazione di Pirlo come nuovo allenatore dell'Under 23: "Ora l'obiettivo si chiama Champions League"

Agnelli: “Anno duro, ma nell'albo d'oro c'è scritto ancora Juve”
© Juventus FC via Getty Images

TORINO - "Siamo qui a presentare il nuovo allenatore dell'Under 23: bentornato ad Andrea, al quale siamo affezionati. Soprattutto per i valori dell'uomo che possiamo trovare nella qualità di un allenatore. Comincia questa sua nuova avventura in Under 23, siamo fieri e orgogliosi. Auspico che per lui possa essere l'inizio di un percorso importante come lo è stato da calciatore. Sposa un progetto che abbiamo fortemente voluto. Ci siamo resi conto che c'era un problema di identità. Oggi leggiamo con orgoglio i nomi dei nostri ragazzi in prima squadra. Andrea conosce il nostro ambiente in termini. Le partite dell'Under 23 sono difficili. Sono felice di dare il bentornato ad Andrea". Nella conferenza stampa di Andrea Pirlo prende la parola il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, per dare il benvenuto e il bentornato al nuovo allenatore dell'Under 23 bianconera.

Juve, Sarri: "Con la Roma gioca solo chi non rischia. Dopo la festa testa a Lione"

Agnelli: "La Juve ancora nell'abo d'oro"

Poi Agnelli prosegue: “E’ stato un anno che, per chi lo ha visto da fuori, non è stato capito fino in fondo, perché è stato durissimo e difficilissimo. Alla fine dell’anno sull’albo d’oro c’è il nome del vincitore, non c’è scritto che è stato un anno durissimo. Abbiamo gestito un periodo senza giocare, ma partendo dall’inizio una squadra è fatta di dinamiche interpersonali, di sguardi, cenni reciproci. Noi abbiamo cambiato 13 persone nello staff tecnico, come il nutrizionista, i dottori, il preparatore atletico, l’allenatore, vuol dire cambiare tutto il gruppo che gestisce la squadra. Le dinamiche vanno resettate e ci vuole tempo, non posso che fare i complimenti a Nedved, Paratici e Cherubini, che hanno ricalibrato la macchina. Ora abbiamo la Champions League, siamo tutti focalizzati su quell’obiettivo, a partire dalla partita di Lione che sarà difficilissima".

Sarri, tutto in sette giorni

Tutte le notizie di Juventus

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti