Graziani bacchetta Pirlo: "La Juve è una Ferrari, serve Allegri"

L'ex attaccante della Roma boccia il tecnico bianconero:"Io allenatore contro il Benevento lo porto Cristiano Ronaldo, e se c'è bisogno lo faccio entrare"
Graziani bacchetta Pirlo: "La Juve è una Ferrari, serve Allegri"

ROMA - La Juve fatica a trovare la continuità nei risultati e il mezzo passo falso contro il Benevento (1-1) ha acuito alcuni problemi. I bianconeri hanno ben sei punti in meno rispetto alla scorsa stagione (lo scorso anno erano 23 i punti conquistati da Sarri dopo nove giornate, mentre ora sono 17 quelli racimolati da Andrea Pirlo), quelli che dividono la Vecchia Signora dal Milan capolista. Il primo a finire sulla graticolare è proprio il tecnico, chiamato sulla panchina della Juve alla sua prima esperienza da allenatore. Ciccio Graziani, ospite di Tiki Taka, non si nasconde e attacca: "Richiamate il soldato Allegri ragazzi, se volete cambiare rotta e marcia a questa squadra cambiate il manico. Io non ce l'ho con Pirlo, gli auguro tutte le fortune di questo mondo, ma l'ho detto già in tempi non sospetti 'non si può dare in mano una Ferrari a un neopatentato, è pericolosissimo".

Juve, Morata perde i nervi! Espulso dopo il fischio finale con il Benevento
Guarda la gallery
Juve, Morata perde i nervi! Espulso dopo il fischio finale con il Benevento

Ciccio Graziani boccia Pirlo

L'ex attaccante della Roma continua: "Io allenatore vado a giocare a Benevento, era già successo col Crotone, Cristiano Ronaldo lo faccio riposare, gli dò un turno di riposo, ma me lo porto, perché se ho bisogno lo metto dentro. Perché tutte queste attenzioni particolari? Perché non lo porti a Crotone, a Benevento, perché pensi che siano partite facili, e invece".

Dybala è scomparso, la Juve è preoccupata: tutti i dubbi di Pirlo

Juve, tornano Ronaldo e Bonucci

Juve, i migliori video

Commenti