Dybala e la Juve, l’ora delle risposte

Il contratto scade nel 2022. La proposta economica di Agnelli segue un parametro rigido: Paulo è nella top 20 mondiale, ma non può essere considerato ancora uno dei migliori cinque. I soldi, però, non sono l’unico nodo: l’argentino chiede una centralità che gli è stata spesso negata
Dybala e la Juve, l’ora delle risposte© LAPRESSE
Stefano Chioffi
TagsjuveDybala

L’errore più grave, adesso, sarebbe quello di ridurre solo a una questione di soldi la trattativa per il nuovo contratto tra Dybala e la Juve. Certo, lo stipendio avrà il suo peso, ma la partita sarà molto più ampia e complessa. Paulo può svincolarsi nel 2022. Domenica, dopo il gol al Genoa, si è soffermato su un concetto chiave: la lealtà, quella che nutre nei confronti della Juve e dei suoi tifosi. Una trasparenza che non mancherà, da parte sua, neppure stavolta. Un messaggio facile da tradurre: nei suoi ragionamenti non esiste un’alternativa alla Juve. Ha solo un interlocutore, Andrea Agnelli, e non cerca aste. E’ logico, però, che si aspetta risposte chiare anche dalla società sul suo ruolo, su quella centralità che non sempre gli è stata riconosciuta e garantita.

Dybala, che abbraccio con Pirlo dopo il gol
Guarda la gallery
Dybala, che abbraccio con Pirlo dopo il gol

Gli ultimi diciotto mesi sono stati complicati: giusto che l’argentino voglia analizzarli in controluce. Nell’estate del 2019, se Dybala non avesse rifiutato il trasferimento al Manchester United, le strade si sarebbero separate: oggi Paulo giocherebbe a Old Trafford e la Juve avrebbe un centravanti come Lukaku. Paulo ha benedetto quella decisione. E non solo per lo scudetto del 2020 che gli appartiene di diritto: undici gol e undici assist, nonostante la tassa fissa delle sostituzioni di Sarri e appena venticinque partite di campionato da titolare. La corsa a ostacoli è proseguita poi con la positività al Covid e una serie di infortuni: fattori che hanno condizionato e ritardato il suo inserimento nella Juve di Pirlo.

Agnelli sta lavorando in prima persona al nuovo contratto. Ha presentato un’offerta che nasce da una valutazione precisa: oggi Dybala rientra nella top 20 dei giocatori più bravi a livello mondiale, ma non si può ancora considerare uno dei migliori cinque. La proposta economica segue questo rigido parametro. Il presidente si è esposto, ha spiegato la linea scelta dal club e si è augurato di ottenere presto la firma di Paulo, invitandolo a raggiungere l’ultimo piano del grattacielo. Quello occupato da fenomeni come Messi, Cristiano Ronaldo e Neymar.

Il Dream team di sempre: ci sono Maldini, Maradona e Cristiano Ronaldo
Guarda la gallery
Il Dream team di sempre: ci sono Maldini, Maradona e Cristiano Ronaldo

Agnelli ha espresso un desiderio: vedere anche in futuro Dybala con la maglia della Juve, magari con la fascia di capitano. Un’immagine che piace a Paulo, ma il fattore che sposterà la trattativa non sarà legato solo a una distanza economica da limare: a ventisette anni, dopo dieci trofei e 97 gol, chiede la certezza di un ruolo essenziale che gli consenta di completare la sua evoluzione, senza sentirsi sempre in sospeso. Perché su un punto si trova già d’accordo con Agnelli: l’idea di rimanere uno dei migliori venti giocatori al mondo non può bastargli.

Juve, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti