Zamparini-Dybala, scambio di messaggi: “Vai via dalla Juve”

La rivelazione dell’ex presidente del Palermo: “Gli scrivo di lasciare la squadra bianconera, da quando c’è Ronaldo non è più lui”
Zamparini-Dybala, scambio di messaggi: “Vai via dalla Juve”© ANSA

Ha portato Dybala in Italia nel 2012 e adesso, a distanza di qualche anno, gli dà anche qualche consiglio sul futuro. Maurizio Zamparini ha raccontato lo scambio di messaggi con l’attaccante della Juve, ancora in bilico sul rinnovo di contratto: "Gli voglio molto bene. È un campione, un fuoriclasse. Mi ha fatto un grande piacere vederlo segnare contro il Napoli, soffrivo per lui - ha detto a Radio Sportiva - Gli mando i messaggi dicendogli di andare via dalla Juventus, deve essere il nucleo della squadra ed essere un costruttore di gioco, libero per il campo. Da quando c'è Ronaldo non è più il Dybala che conosciamo, non possono coesistere perché entrambi sono il calcio. Paulo vale Barcellona e Real Madrid, poi, non ha avuto affetto e stima della società”.

Juve-Napoli, ironia e sfottò sui social. E su Dybala...
Guarda la gallery
Juve-Napoli, ironia e sfottò sui social. E su Dybala...

Zamparini e l'addio di Marotta alla Juve

"Ho addestrato Marotta al Venezia - ha poi ricordato Zamparini - Finché ci sarà il duo con Conte vincerà l'Inter, magari non con un bellissimo calcio ma vincerà. La Juventus ha pensato di fare a meno di Marotta, ma lui è uno come Dybala o Ronaldo, una persona seria e conosce il calcio”.

Zamparini: "Sono molto amico di Gattuso"

"Sono molto amico di Gattuso e lo stimo come uomo e allenatore. Il suo futuro? Non saprei consigliarlo. Il Napoli ha un grande presidente, io spero sempre che rimanga. I tanti allenatori che ho esonerato? Mi sono pentito di tanti, forse tutti. Da Zaccheroni a Spalletti a Gasperini, poi li richiamavo. De Zerbi? Era presuntuoso e inesperto, ma è bravo e avrei dovuto aspettarlo, amo il suo calcio”.

Zamparini: "La domenica non ero più io"

"Sono stato nel mondo del calcio per 32 anni. Mi manca molto l'emozione delle partite, ma c'è anche tanta tensione e sono contento di averla persa. La domenica non ero più io, il fisico ne risentiva. Il calcio non è un investimento, è passione e ha funzione sociale, per gioia e spettacolo che dai alla gente. Il tuo stipendio non è in soldi ma in visibilità, siamo un po' primedonne".

Juve, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti