Juve, Allegri: "Szczesny? La palla in tribuna non è una vergogna"

Cosi il tecnico bianconero: "È un grandissimo portiere, ma bisogna capire i momenti. Cristiano Ronaldo? Sta bene"
Juve, Allegri: "Szczesny? La palla in tribuna non è una vergogna"© 2021 Getty Images
2 min
TagsAllegriJuventusSerie A

UDINE - "Abbiamo fatto una buona partita, purtroppo il calcio è anche questo e succedono cose che sono inaspettate. Nel secondo tempo dovevamo far girare meglio la palla, non abbiamo saputo gestire". Massimiliano Allegri ha commentato ai microfoni di Dazn il rocambolesco 2-2 della Juventus alla Dacia Arena contro l'Udinese: "Meno male che siamo solo alla prima giornata. Ci dovrà servire da lezione. Locatelli? Può giocare sia da play che da mezz'ala, dipenderà da chi avrà affianco. È un po' un ritardo di condizione, ma oggi Ramsey ha fatto una buona partita. Dovremo imparare a gestire meglio gli imprevisti. Nel secondo tempo abbiamo perso qualche palla di troppo, sicuramente eravamo stanchi e faceva caldo, ma non si possono prendere due gol così... Piuttosto ti metti dietro a difendere. Ma non abbiamo subito niente. Barzagli lo volevo nel mio staff? Sì, ma non ha voglia. È entrato Padoin che è bravissimo".

Udinese-Juve, Allegri su Cristiano Ronaldo e Szczesny

"Cristiano Ronaldo? Sta bene. Pensando che siamo all'inizio della stagione, pensando al bene un po' di tutti, ho preferito tenerlo in panchina per entrare nella ripresa. E lui si è messo subito a disposizione e infatti aveva anche fatto gol. Peccato che per un centimetro non fosse buono... Come lo gestirò? Dovrò gestirlo come tutti. Tra l'altro oggi per me è stata la prima volta con le 5 sostituzioni, dovrò imparare a gestirle. Dobbiamo migliorare la condizione, non è una questione tecnica. Dobbiamo capire i momenti. Szczesny è un grandissimo portiere. Non è questione di errore tecnico, è questione che, quando vieni da un rigore commesso, in quel momento buttare la palla in tribuna non è una vergogna. Servirà da lezione anche a lui. Noi abbiamo dei contropiedisti nati come Chiesa, Ronaldo, Cuadrado, Bernardeschi, Kulusevski e quando conquistiamo palla dobbiamo attaccare velocemente gli spazi, perché se invece veniamo attaccati, proprio per le caratteristiche di questi calciatori, rischiamo di lasciare i difensori a campo aperto", conclude il tecnico bianconero.

Szczesny da brividi, clamoroso 2-2 della Juve a Udine
Guarda la gallery
Szczesny da brividi, clamoroso 2-2 della Juve a Udine

Juve, i migliori video

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti