Juve, Allegri: "Agnelli è molto presente. Mi manca Marotta? No"

L'allenatore bianconero dopo la vittoria sulla Salernitana: "Dybala e Morata possono fare più gol, eravamo sotto pressione"
Juve, Allegri: "Agnelli è molto presente. Mi manca Marotta? No"© Getty Images
TagsAllegriJuventus

SALERNO - Equilibrio e sacrificio sono gli ingredienti che servono in questo momento alla Juventus, capace stasera di tornare alla vittoria dopo i ko con Chelsea e Atalanta. I bianconeri si sono imposti 2-0 in casa della Salernitana: "I ragazzi stasera hanno fatto una prestazione buona, perché comunque non è facile giocare in questo campo - dice a Dazn il tecnico della Juve, Massimiliano Allegri - nel secondo tempo abbiamo rischiato. Veniamo da un momento di pressione perché abbiamo perso in casa con l'Atalanta, stasera potevamo fare più gol. Chiellini ha detto una cosa giusta, oggi ne abbiamo parlato con la squadra: credo che la Juve ci abbia dato tanto e ci sta dando tanto, in questo momento quindi dobbiamo essere noi a dare alla Juventus, perché abbiamo il senso di responsabilità giusto che dobbiamo avere e per cercare di fare qualche risultato che con le medio piccole abbiamo sempre fallito".

Juve, Dybala e Morata in gol: Salernitana ko, rimpianto per Ranieri
Guarda la gallery
Juve, Dybala e Morata in gol: Salernitana ko, rimpianto per Ranieri

Allegri, Agnelli e Marotta

Allegri è poi pungolato sulla società che ha ritrovato dopo due anni di assenza: "Non è cambiato assolutamente nulla, c'è grande presenza della società come sempre. Noi dobbiamo solo pensare a fare il nostro lavoro al meglio, quando non ci sono stato io non mi interessa cosa sia accaduto, io ho solo deciso di portare avanti un progetto. E' normale che passiamo attraverso alti e bassi, dispiace perché per le qualità che ha la squadra potevamo fare di più. Ora abbiamo un pochino di tempo per lavorare e speriamo di poter recuperare il terreno". Alla domanda se senta la mancanza di un dirigente come Marotta, Allegri risponde: "Ma no, la Juventus ha sempre il presidente come riferimento numero uno, molto presente. È arrivato Arrivabene che è molto presente, Cherubini lo conosco da trent'anni ed è una persona brava ed equilibrata. Le cose e le persone passano, il dna resta. Poi ci sono momenti in cui non vinci, da cui devi rialzarti". 

Allegri: "Dobbiamo dare alla Juve e ai tifosi"

Della partita vinta a Salerno dice: "Stasera abbiamo gestito bene la palla, credo che dobbiamo migliorare sull'accelerazione e nella conclusione. Dybala e Morata potevano fare qualche gol in più quest'anno. Eravamo tutti giovani e dovevamo sostenere Chiellini (ride n.d.r.), quando la squadra è giovane è normale che può subire le pressioni e bisogna essere bravi a reagire. E' normale che siamo indietro in campionato perché abbiamo perso troppo all'inizio. I giocatori hanno talento, ma solo facendo esperienza e capendo le situazioni della partita, mettendosi a disposizione, riesci a capire come gestire certe fasi. Possiamo e dobbiamo migliorare con l'aiuto degli esperti e poi vedremo dove riusciamo ad arrivare. Fortunatamente abbiamo giocato 3 giorni dopo l'Atalanta che comunque abbiamo affrontato a testa alta. Io stasera gli ho detto solo un paio di cose sulla partita e a livello mentale, più o meno le stesse parole di Chiellini. In questo momento qui siamo noi che dobbiamo dare tanto alla Juve e ai tifosi". 

Juve, i migliori video

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti