Juve, Cobolli Gigli: "Allegri non ha colpe, Nedved non incarna lo stile del club"

L'ex presidente bianconero ha analizzato la stagione della squadra dopo la sconfitta nella finale di Coppa Italia contro l'Inter
Juve, Cobolli Gigli: "Allegri non ha colpe, Nedved non incarna lo stile del club"© ANSA
TagsAgnelliArrivabene

All’indomani della brutta sconfitta contro l’Inter nella finale di Coppa Italia, che ha segnato l’interruzione a dieci della serie di stagioni consecutive con almeno un titolo in bacheca, più che il tempo dei processi in casa Juventus è iniziato quello delle analisi.

La nuova Juve è pronta a ripartire da Allegri

In estate infatti non sembrano alle viste rivoluzioni né sul mercato, come anticipato dall’amministratore delegato Maurizio Arrivabene, né nella guida tecnica. A dispetto di un’annata sotto le aspettative Max Allegri gode ancora della fiducia della società e anche di buona parte della tifoseria, che tuttavia non è schierata compatta dalla parte del presidente Andrea Agnelli e delle sue scelte.

Pagelle Juve-Inter: disastro De Ligt, Joya Dybala, svolta Dimarco, super Perisic
Guarda la gallery
Pagelle Juve-Inter: disastro De Ligt, Joya Dybala, svolta Dimarco, super Perisic

Cobolli stronca Nedved: "Il suo carattere non è da Juve"

Tra gli scettici c’è anche un tifoso illustre come l’ex presidente bianconero Giovanni Cobolli Gigli, che non è stato tenero con Agnelli, ma soprattutto con Pavel Nedved, in un’intervista rilasciata a ‘1 Station Radio’ nel corso di ‘1 Football Station’: “Agnelli ha perso la bussola, ma può recuperarla. Nessuno pensa che debba lasciare la Juventus, sarebbe un grave errore, ma deve circondarsi di colleghi che lo aiutino, come era Marotta qualche anno fa. Ha dimostrato di poter essere un ottimo presidente, ma deve avere l’umiltà di non pensare di poter risolvere tutto da solo. Penso che il problema sia il fatto che Nedved non incarna lo spirito della Juve. Pavel stato un calciatore eccezionale, e l’ho sempre stimato per questo, ma il suo carattere s non si adatta allo stile societarioAgnelli è stato convinto da Nedved e Paratici a far fuori Allegri e prendere Sarri, ma è stato un errore clamoroso, sia per la Juve che per Sarri stesso".

Juve, 83 milioni dalla Champions 2020/2021
Guarda il video
Juve, 83 milioni dalla Champions 2020/2021

Finale Coppa Italia, Cobolli punge l'Inter: "Comportamenti sopra le righe"

Assoluzione con formula quasi piena invece per Allegri, pure per il nervosismo palesato nella finale di Coppa Italia: “Allegri incarna lo stile Juve e anche in finale mi sembra abbia fatto le mosse giuste. La reazione finale? Max prova sempre ad evitare le polemiche, se succede è perché viene provocato, non mi sono piaciuti molti comportamenti da parte della panchina dell’Inter". Cobolli ha concluso parlando del mercato che verrà, che rischia di essere condizionato dal contenimento dei costi: "Bilancio della stagione? Quest’anno siamo arrivati quarti in anticipo, l’anno scorso solo perché il Napoli ci ha fatto un regalo. Le prime partite sono state disastrose, poi la squadra è migliorata. Il diktat sul mercato penso sia chiaro: ridurre gli stipendi e pagare i calciatori il giusto. Non dobbiamo aspettarci grandi cose”.

Juve, i migliori video

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti