Corriere dello Sport

Lazio

Vedi Tutte
Lazio

Lazio, Juan Carlos Campillo: «Così è rinato Luis Alberto»

Lazio, Juan Carlos Campillo: «Così è rinato Luis Alberto»
© Bartoletti

Parla il mental coach che ha aiutato lo spagnolo a rilanciarsi . Lavora con le Furie Rosse e con il cittì Lopetegui, ecco i segreti di una metamorfosi: «Vedeva tutto nero, pensava di non essere più in grado di fare il calciatore. Ora vuole la Lazio in alto e i Mondiali»

Sullo stesso argomento

di Daniele Rindone

martedì 3 ottobre 2017 09:01

ROMA - Non è più l’altro Luis Alberto. E’ quello vero. Era l’eterno deluso, oggi strabilia portando la Lazio più in là. Pensava di non poter nulla, di essere un signor nessuno. Oggi sa chi è e cosa può fare. Inzaghi gli ha dato un’altra possibilità ed è stato decisivo l’aiuto di Juan Carlos Campillo, mental coach (allenatore della mente) vicinissimo alla Spagna dei fenomeni e al cittì Lopetegui. E’ l’uomo che Luis Alberto non smette di ringraziare in ogni intervista.

FOTO - FAVOLA LUIS ALBERTO



Campillo, lei fa miracoli?
«Uscire dal tunnel è un cammino duro. Il merito è del ragazzo, dello sforzo che ha fatto per arrivare dov’è ora. Il primo contatto risaliva ai tempi di Liverpool, ci siamo risentiti nel marzo scorso, abbiamo proseguito il lavoro sentendoci al telefono, tramite Skype e videochiamate. E’ andato prima agli allenamenti, ha riguardato le partite. Ha lavorato sulla concentrazione e sul rilassamento».

Cos’aveva Luis Alberto? Perché si era perso?
«Era bloccato, aveva bisogno di liberare la mente. Non era soddisfatto, non giocava, era scontento. I problemi erano questi: non gli piacevano i rapporti all’interno dello spogliatoio, non si era adattato alla nuova realtà e al calcio italiano. Vedeva tutto nero».

FOTO - LAZIO ESAGERATA: ECCO I MIGLIORI



A tal punto da pensare di lasciare il calcio?
«Era spaesato, era molto vicino al ritiro, non pensava di essere più in grado di fare il calciatore, pensava di non essere all’altezza. E’ un sintomo abbastanza comune, si percepisce quando vedi tutto nero, ti convinci di non saper fare ciò che sai fare. La difficoltà sta nel farti capire che puoi raggiungere il tuo obiettivo».

VIDEO - INZAGHI: «LUIS ALBERTO SI STA RITAGLIANDO MOMENTI IMPORTANTI»



Qual è stata la svolta?
«Quando ci siamo rivisti abbiamo prefissato due obiettivi. Il primo: diventare titolare nella Lazio e nel finale dello scorso campionato Luis Alberto ha giocato alcune volte da titolare. Mi ha chiamato il 4 luglio, pochi giorni prima del ritiro precampionato. Il secondo obiettivo l’avrebbe portato a diventare importante per la squadra e posso dire che lo stiamo raggiungendo».

Leggi l'intervista completa sull'edizione odierna del Corriere dello Sport-Stadio

Articoli correlati

Commenti