Tamponi Lazio, il club pronto a difendersi: le mosse

Entro dieci giorni le richieste del procuratore Chiné. Tra un mese parte il processo
Tamponi Lazio, il club pronto a difendersi: le mosse© Getty Images
1 min

ROMA - “La Procura si sbaglia”, giura la Lazio nel caso tamponi. Ed è pronta a difendersi. Quando? Tra circa un mese, quando si aprirà il processo sportivo di primo grado. Il club rischia una penalizzazione (da quantificare), il tutto legato all’impiego di Immobile con il Torino e alla presenza di Djavan Anderson in panchina con la Juve. Ma non solo: anche alle mancate (o ritardate) comunicazioni alle Asl di 8 casi di positivi al Covid del gruppo squadra per le partite di Champions contro Bruges e Zenit.

Tamponi, la Lazio pronta a difendersi 

La difesa della Lazio si gioca su un punto cardine, come ammesso dall’avvocato Gentile: “Il laboratorio che fa le analisi deve informare le autorità sanitarie. La Asl informa il datore di lavoro, dunque la società”. E c’è anche un’altra situazione che il club biancoceleste è pronto a portare in tribunale. La Procura parla pure dei match Champions, ma su cui la Uefa non ha eccepito. La partita è aperta. Il procuratore Chiné, entro una decina di giorni, chiederà le sanzioni al Tribunale Federale. I tempi non saranno corti, la Lazio si sente tranquilla.

Tamponi Lazio, rischio pesanti sanzioni
Guarda il video
Tamponi Lazio, rischio pesanti sanzioni


Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti