Lazio, Lotito-Sarri si decide: ecco il colpo a porta vuota

Trattativa in stato avanzatissimo, ora mancano le ultime riflessioni del club biancoceleste: le prossime 48 ore per convocare il Comandante. Occhio al piano B...
Lazio, Lotito-Sarri si decide: ecco il colpo a porta vuota© ANSA
Fabrizio Patania
TagsLazioSarri

Un colpo per svoltare e per sognare una grande Lazio. Un colpo per riempire l’Olimpico e tenere testa alla Roma di Mourinho. Un colpo per dimenticare Simone Inzaghi e continuare a inseguire la Champions o immaginare di infilarsi nella corsa scudetto con Immobile, Milinkovic e Luis Alberto. Un colpo «alle casse della società» nel racconto ironico di chi conosce bene Lotito, i suoi conti in sicurezza, la vocazione al risparmio e l’attenzione al bilancio. Perché Sarri costa, non tanto e non solo di ingaggio, ma come impegno implicito a mantenere gli impegni, ad alzare le ambizioni e gli obiettivi. Può essere, sarà o sarebbe per i più prudenti, una piacevole trasgressione, capovolgendo le abitudini e una storia lunga diciassette anni, in cui ogni passo è stato misurato e ponderato sino allo sfinimento. Questa volta, però, non ci sono altre scelte possibili per la Lazio e per Lotito. Il Comandante, appena liquidato dalla Juve e deciso a tornare in panchina, sta diventando un colpo, anzi un gol impossibile da sbagliare a porta vuota.

Lazio, difesa da ricostruire: tutti i nomi in lista
Guarda la gallery
Lazio, difesa da ricostruire: tutti i nomi in lista

Zero concorrenza

Pensateci bene, non ci sono pretendenti credibili in Serie A, tolta la Lazio. E non c’è molta altra scelta per Lotito, abituato a sorprendere e “inventare” allenatori come Petkovic nel 2012. Inzaghi se n’è andato. Gattuso non lo ha aspettato, preferendo la Fiorentina. Mihajlovic ha atteso invano di essere chiamato e oggi non mollerebbe più il Bologna, Italiano (se oggi non salta e non torna in ballo) dovrebbe restare a La Spezia. Lotito, nonostante la stima e il rapporto datato, non si sarebbe mai potuto permettere Allegri o Conte, tanto meno quei due potevano venire a Formello. Sarri invece sì, all’estero non andrà o non ha ricevuto proposte attraenti. La Roma lo ha sedotto e abbandonato. Un motivo in più per pensarci. [...]

Riflessioni

Ieri il presidente stava ancora macerandosi in un mare di dubbi e sfogliando la margherita. Lo prendo o non lo prendo? Quanto mi costerà? E ci sono in giro allenatori bravi che possano proseguire nel solco tracciato da Inzaghi con il 3-5-2? Già, perché cambiare modulo, significherebbe dover spendere di più sul mercato o intervenire in maniera drastica, oggi mancano gli esterni offensivi da 4-3-3 e almeno un terzino. Ma la Lazio, con grande serenità, potrebbe giocare con il trequartista (Luis Alberto). Sarri ha tranquillizzato Tare. E il dubbio dovrebbe valere per tantissimi altri allenatori di cui si è parlato. L’unico, dedito alla costruzione a tre, si chiama Andrea Pirlo, entrato nei pensieri del Sassuolo.

Tutti gli approfondimenti sul Corriere dello Sport-Stadio in edicola

Lazio, nome a sorpresa tra Sarri e Villas Boas
Guarda il video
Lazio, nome a sorpresa tra Sarri e Villas Boas

Lazio, nome a sorpresa tra Sarri e Villas Boas
Guarda il video
Lazio, nome a sorpresa tra Sarri e Villas Boas

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti