Lazio, il saluto di Parolo: "Resterò innamorato della maglia"

Il centrocampista brianzolo lascia la capitale dopo sette stagioni: "Grazie a Lotito, i tecnici e i tifosi. Ci incontreremo di nuovo sul campo"
Lazio, il saluto di Parolo: "Resterò innamorato della maglia"© © Marco Rosi / Fotonotizia
TagsLazioParolo

Dopo Senad Lulic anche Marco Parolo saluta la Lazio. Il contratto del centrocampista brianzolo è scaduto il 30 giugno scorso e dopo sette stagioni si chiuderà la sua avventura nella capitale. Un cammino intenso e ricco di soddisfazioni, con in bacheca una Coppa Italia e due Supercoppe italiane. Parolo ha voluto salutare tutto l'ambiente laziale attraverso un post sul suo profilo Instagram. “La mia gratitudine va al mondo biancoceleste. Tifosi laziali, gente di passione, mi avete fatto innamorare della maglia, spronando, esaltando e qualche volta anche insultando, ma sempre nel rispetto. Mi avete spinto a dare tutto me stesso".

Parolo: "Voglio continuare a giocare"

Parolo arrivò nella capitale l'estate del 2014, dopo i mondiali brasiliani giocati con la maglia della nazionale. Con la Lazio ha collezionato 265 presenze con 39 gol. Nell'ultima stagione, nella quale è stato utilizzato da Simone Inzaghi in diversi ruoli (mediano, difensore centrale, esterno), si è tolto la soddisfazione di siglare due gol in Champions League: contro lo Zenit San Pietroburgo e il Bayern Monaco. "Grazie al presidente Lotito alle persone che lavorano in sede a Formello - ha concluso -  una ad una. Grazie ai mister, allo staff medico e ai meravigliosi compagni. Voglio continuare a divertirmi giocando sperando di rincontrarci sul prato verde dell’Olimpico. Ti ringrazio Lazio”.

Lazio, la prima maglia è ecologica e sarà celeste
Guarda il video
Lazio, la prima maglia è ecologica e sarà celeste

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti