Lazio incantata da Fernandes: la grande promessa ha 16 anni

Proposto dall’ex Couto a Tare, era allo Sporting Lisbona: impatto forte il suo tra Primavera e Under 18. Guizzi, velocità e che gol
Lazio incantata da Fernandes: la grande promessa ha 16 anni
3 min
Carlo Roscito
TagsLazioFernandes

ROMA - Impatto convincente? Strabiliante, si addice di più. Soltanto 16 anni, eppure è già sulla bocca di tutti. Soprattutto di chi l'ha visto due volte nel giro di una settimana. Saná Fernandes è sembrato un talento senza categoria d'appartenenza. Gol, dribbling e scatti brucianti, commenti unanimi sul suo conto. L'esordio in Primavera con il Monopoli il 17 settembre, il transfer Fifa era arrivato fresco fresco: 2 minuti (2!) per sfrecciare davanti all'avversario e infilare il tiro a giro all'angolino. Ha aperto la giostra delle reti al "Fersini" (5-0). Si è ripetuto due giorni fa al "Green" nel derby Under 18: non aveva mai giocato coi baby di D'Urso, li ha trascinati al 3-0 sulla Roma con un altro timbro e due rigori guadagnati (il primo stampato sul palo). Ha impressionato per la velocità palla al piede e i guizzi continui.

Profilo

Ci ha messo niente a dimostrare le sue qualità. Portoghese classe 2006, è nato a Bissau, capitale della Guinea-Bissau. È arrivato in estate dopo 4 anni trascorsi nel settore giovanile dello Sporting Lisbona. Alla fine della scorsa stagione era stato proposto da Fernando Couto, ex difensore biancoceleste in visita a Formello. Il ds Tare non si è fatto sfuggire l'occasione. In quel momento aveva ancora la carica in Primavera. Un affare reso possibile anche grazie ai rapporto con l'agente Pastorello. Famiglia religiosa e coi "piedi" in pasta: suo fratello Joelson Fernandes, anche lui cresciuto nello Sporting, adesso gioca al Basilea ed è nel giro del Portogallo Under 21. Stesso ruolo di Saná, ma 3 anni più grande (classe 2003). C'è molto merito di papà Eusebio Mango, per 2 volte di fila premiato come miglior uomo d'affari di calcio della Guinea.

Investimento

Spera di realizzare alla Lazio i propri sogni: «Sono tra i migliori club al mondo, il mio obiettivo è arrivare in prima squadra», ha rivelato in patria. Continuando così ci sono buonissime possibilità. Ha già svolto qualche seduta agli ordini di Sarri, ne è rimasto colpito. Uno step alla volta, Saná intanto deve aiutare la Primavera di Sanderra, ora gestita da Angelo Fabiani, a riconquistare la massima serie. Ci sono le condizioni per farlo. Il presidente Lotito, in questo senso, nell'ultimo periodo ha chiuso un altro tipo di acquisto: i ragazzi "fuori sede", infatti, non vivono più nella foresteria di Formello, ma è stata comprata una villa a circa 1 km di distanza dal centro sportivo, dove vengono accompagnati da una navetta messa a disposizione dal club.

Torneo

A proposito di vivaio, ieri i classe 2009 di Assumma hanno battuto la Roma 2-0 (Clarizia e Miloiu) nella finale della XII edizione del Trofeo Elio Serilli. «C’è grande gioia per la vittoria nel torneo», ha detto Bianchessi, responsabile del settore giovanile. Un weekend di sole vittorie, da incorniciare.


Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti