Lazio, Cancellieri alla prova del 9: la soluzione di Sarri

Se Immobile non recupera, domenica toccherà all’ex Verona, preso in estate come vice centravanti: sarebbe il debutto da titolare
Lazio, Cancellieri alla prova del 9: la soluzione di Sarri© Marco Rosi / Fotonotizia
5 min
Fabrizio Patania
TagsImmobilecancellieri

ROMA - Chiamatela prova del 9. Test di controllo, semplice ma non infallibile, racconta la definizione. Se Immobile non dovesse recuperare, domenica all’Olimpico toccherà a Matteo Cancellieri. Sarebbe il debutto da titolare per l’ex Verona, appena rientrato a Roma dalla trasferta azzurra di Budapest. Lo suggeriscono la logica, il buon senso e anche l’allenamento di ieri pomeriggio a Formello, quando la Lazio ha ripreso la preparazione in vista della partita contro lo Spezia: il ventenne, romano di San Giovanni, agiva al centro dell’attacco.

Le squadre più giovani della Serie A: Lecce 1°, Roma e Lazio in fondo
Guarda la gallery
Le squadre più giovani della Serie A: Lecce 1°, Roma e Lazio in fondo

Sarri, le soluzioni

Cancellieri, non senza sorpresa, era stato acquistato a fine giugno dal ds Tare con l’idea di farne il vice Ciro e così si è allenato quasi due mesi, salvo entrare da esterno d’attacco, il suo vero ruolo, tutte le volte in cui Sarri ne ha avuto bisogno per allungare le rotazioni con Zaccagni, Pedro e Felipe Anderson. Sarebbe strano, anzi paradossale, se Matteo domenica non riuscisse a giocare nel caso in cui dovesse essere risparmiato Immobile. Significherebbe sconfessare il mercato (e sin qui niente di clamoroso: è successo spesso a Formello, con tanti allenatori) ma anche il lavoro estivo e l’investitura di cui si è parlato spesso. Si tratta di un giovane su cui la Lazio ha speso 7 milioni più 1,5 di bonus. Un talento di prospettiva e di interesse nazionale. Certo Sarri potrebbe valutare un’altra soluzione, puntando sui tre giocatori più rodati e formati. Se sta bene, quasi mai rinuncia a Pedro. E in estate ha provato anche Felipe centravanti. In più c’è Zaccagni. Nella passata stagione è successo che lasciasse fuori Muriqi (o Cabral nel girone di ritorno) per giocare senza centravanti o con il cosiddetto “falso nueve”.

Lazio, cambio di tridente: Sarri valuta il piano

Lazio, occasione Cancellieri

Questa, però, sembra un’occasione ideale, forse unica, per verificare l’adattabilità al ruolo di Cancellieri e di conseguenza “allungare” la panchina. Perché se il test funzionasse, Mau e la Lazio potrebbero gestire con respiro superiore le energie e le risorse, a maggior ragione mettendo in fila i dodici impegni (tra campionato ed Europa League) dal 2 ottobre al 13 novembre. E’ inimmaginabile che Ciro possa giocarle tutte a tempo pieno. Un cambio ci vuole. Rispetto alle precedenti stagioni, non ci sono più Muriqi e Caicedo. Per quanto in difficoltà o criticato, il kosovaro ogni tanto entrava. La prova del 9 vale con lo Spezia (se Ciro resterà fuori) e per dirimere, una volta per tutte, il rebus dell’attaccante di scorta con sguardo al mercato invernale. Già da novembre, se Lotito vorrà continuare a stupire e investire, bisognerà pianificare la strategia utile a restare in corsa su tutti i fronti, come auspicano a Formello. E allora è bene andare alla verifica con Matteo, che era e resta un ottimo acquisto, in grado di alternarsi sulla fascia destra a Felipe.

Lazio, i tifosi sui social: "Immobile non va rischiato"

Cancellieri e la Nazionale

Sarri a giugno aveva chiesto alla società Caputo o una punta centrale di ruolo. Durante l’estate è stato conquistato dalle doti di Cancellieri, di cui apprezza le progressioni, le qualità tecniche e il piede sinistro. Si è anche sbilanciato. Pensa possa muoversi da centravanti, semmai teme che l’alternanza di allenamenti e di impiego (punta centrale/esterno) ne rallenti il percorso di crescita, ma le prove sono state limitate alle amichevoli estive. Servono le partite vere. Ecco perché lo Spezia diventa un banco di prova attendibile. Matteo a Budapest ha preso posto in tribuna, come era accaduto a San Siro contro l’Inghilterra, ma fa parte del nuovo gruppo della Nazionale, è rimasto nel giro. Mancini e lo scouting di Coverciano lo considerano esterno d’attacco. Dal punto di vista tattico non deve temere. La conversione azzurra alle due punte potrebbe favorirlo nel percorso da futuribile attaccante centrale.

Il senatore Lotito non abbandona la Lazio
Guarda il video
Il senatore Lotito non abbandona la Lazio


Acquista ora il tuo biglietto! Vivi la partita direttamente allo stadio.

Commenti