Corriere dello Sport

Milan

Vedi Tutte
Milan

Cessione Milan, ufficiale: Li Yonghong nuovo proprietario, finita l'era Berlusconi

Cessione Milan, ufficiale: Li Yonghong nuovo proprietario, finita l'era Berlusconi

Il closing con la Fininvest è andato a buon fine: ceduto il club alla Rossoneri Sport, creata ad hoc dall'investitore cinese. In serata, cena ad Arcore

Sullo stesso argomento

 

giovedì 13 aprile 2017 09:07

MILANO -  Il cinese Li Yonghong è formalmente diventato il nuovo proprietario del Milan, che passa di mano dopo 31 anni di gestione da parte di Silvio Berlusconi. È infatti andato a buon fine il closing con la Fininvest che, a fronte del versamento con cui è stato completato il pagamento, ha ceduto il 99,93% delle azioni alla società veicolo lussemburghese Rossoneri Sport Investment Lux, creata ad hoc dall'investitore cinese. 

IL COMUNICATO UFFICIALE - Fininvest ha oggi finalizzato la cessione alla Rossoneri Sport Investment Lux dell'intera partecipazione, pari al 99,93%, detenuta nell'AC Milan. La finalizzazione odierna dà piena esecuzione al contratto di compravendita firmato dall'amministratore delegato di Fininvest, Danilo Pellegrino, e da David Han Li, rappresentante di Rossoneri Sport Investment Lux, il 5 agosto 2016 e rinnovato il 24 marzo scorso. Gli estremi dell'accordo sono quelli resi noti a suo tempo e prevedono una valutazione complessiva dell'AC Milan pari a 740 milioni di Euro, comprensivi di una situazione debitoria stimata al 30 giugno 2016, come da intese fra le parti, in circa 220 milioni di euro.

A quanto incassato da Fininvest si aggiungono 90 milioni di euro a titolo di rimborso dei versamenti in conto capitale eseguiti dalla stessa Fininvest a favore del Milan dal 1° luglio 2016 ad oggi. Gli acquirenti hanno confermato l'impegno a compiere importanti interventi di ricapitalizzazione e rafforzamento patrimoniale e finanziaro di AC Milan. Nella giornata di domani, venerdì 14 aprile, l’Assemblea dei Soci dell’AC Milan riunita in prima convocazione provvederà, fra l’altro, a deliberare in ordine alla nomina dei nuovi organi sociali della società. Rossoneri Sport Investment Lux si è avvalsa di Rothschild & Co. come advisor per gli aspetti finanziari e degli Studi Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners e Gattai, Minoli, Agostinelli & Partners per gli aspetti legali. Fininvest è stata assistita da Lazard e dallo studio Chiomenti rispettivamente per gli aspetti finanziari e per quelli legali.

CONFERENZA STAMPA - Dopo due rinvii, nessun intoppo dell'ultima ora. Sono pronti i comunicati e i discorsi per la conferenza stampa di venerdì mattina. Il più atteso è ovviamente quello di Li Yonghong. Si attende di conoscere ambizioni e possibilità finanziarie del nuovo Milan, ma anche qualcosa di più sul personaggio che succederà a Silvio Berlusconi, di cui non si sa molto a parte l'età, 48 anni, e il valore del patrimonio, attorno ai 500 milioni di euro, più o meno il prezzo del Milan, debiti esclusi.

STANDING OVATION PER GALLIANI - «Quello di sabato sarà il primo derby cinese»: sono le parole di Adriano Galliani in Lega Serie A, in contemporanea con l'avvenuta vendita del Milan. Galliani, durante i lavori dell'assemblea, ha annunciato il passaggio di azioni che determina il cambio di proprietà del club rossonero. L'annuncio è stato seguito da un lungo applauso di tutti i presidenti di Serie A. Una standing ovation per sottolineare il ruolo e i meriti di Galliani nell'arco di oltre trent'anni al Milan.

LE PRIME PAROLE DI LI - «Ringrazio Berlusconi e Fininvest per la fiducia, e i tifosi per la pazienza, da oggi costruiamo il futuro». Questa la prima dichiarazione dell'investitore cinese Li Yonghong dopo il closing con cui è diventato proprietario del Milan, affidata a una nota ufficiale.

LA CENA - Silvio Berlusconi ha ricevuto questa sera a cena, nella sua villa di Arcore, Li Yonghong, l'investitore cinese a cui oggi ha venduto il Milan. Il nuovo proprietario è arrivato intorno alle 20.30 a Villa San Martino assieme al suo braccio destro, David Han Li, e a Marco Fassone, che venerdì verrà nominato il nuovo amministratore delegato rossonero. Alla cena erano presenti i due amministratori delegati uscenti, Barbara Berlusconi e Adriano Galliani. L'incontro è durato tre ore. Intorno alle 23.30 Berlusconi ha salutato, accompagnandoli alla porta, gli ospiti, Erano presenti anche i manager di Fininvest che negli ultimi due anni hanno seguito le trattative per la cessione del Milan, l'amministratore delegato Danilo Pellegrino e il responsabile business development Alessandro Franzosi. 

MONTELLA - Intervistato dal canale ufficiale del club, prima della conferenza stampa verso il derby di sabato, l'allenatore del Milan Vincenzo Montella ha detto: "Sono stato informato pochi minuti fa da Galliani e Fassone. Ci tengo a ringraziare e salutare Galliani e Berlusconi per la possibilità che mi è stata data di allenare il Milan e di esserne in parte entrato a farne parte insieme ai calciatori per un trofeo vinto. Nei prossimi giorni ci incontreremo con la nuova proprietà e il nuovo management e sono certo che insieme ci troveremo sui punti da pianificare in futuro per rendere il Milan glorioso ancora una volta".

VENTURA - «C'è un filo di tristezza nella chiusura di questa era, per me e per tutti gli amanti del calcio»: lo ha detto Gian Piero Ventura, ct dell'Italia, rispondendo a Radio 24 sul closing Milan. «L'ho vissuta più da spettatore e credo che ci siano state tre grandi squadre negli ultimi trent'anni, molti hanno vinto, ma chi ha lasciato il segno sono l'Ajax di Cruyff, il Milan di Sacchi e di Van Basten e il Barcellona. Il Milan è una delle tre squadre che hanno fatto la storia del calcio. È evidente che tutto questo è stato possibile perché c'è stata una grande gestione, un grande allenatore e anche grandi calciatori, altrimenti non avrebbero ottenuto questi risultati», ha detto il tecnico della Nazionale italiana.

TAVECCHIO - «Grazie per quello che ha fatto nel mondo del calcio, il suo Milan resterà nella storia». Questo, secondo quanto appreso dall'Ansa, il testo di un messaggio con cui il numero uno della Federcalcio, Carlo Tavecchio, ha voluto salutare l'ex presidente rossonero Silvio Berlusconi appena arrivata la notizia dell'avvenuto closing. «Il suo contributo al calcio italiano e internazionale è stato straordinario», conclude Tavecchio, che ha anche «esteso il suo apprezzamento all'operato di Adriano Galliani».

Articoli correlati

Commenti