Milan, Calhanoglu: "Giampaolo ci chiede un gioco diverso. Serve tempo"

Il turco si schiera a difesa di Piatek: "Gli manca il gol, ma ci sta non segnare sempre. Lavora tanto per la squadra"

© LAPRESSE

MILANO - Il Milan, uscito con una sconfitta dalla Dacia Arena all'esordio del campionato contro l'Udinese, prova a rialzare la testa. A infondere fiducia ad ambiente e compagni è Hakan Calhanoglu che ha parlato ai microfoni di Sky: "Mister Giampaolo ci chiede un gioco diverso: a lui piace andare in verticale, quando perdiamo palla vuole attaccare subito. Siamo sulla buona strada, ma abbiamo bisogno di tempo. Contro l'Udinese abbiamo sbagliato piccole cose e non abbiamo fatto bene quello che ci chiede il mister. I nostri avversari hanno giocato bene, ci hanno impedito di andare in verticale chiudendo gli spazi. Ma è solo la prima partita e a noi serve tempo per assimilare al meglio quello che chiede Giampaolo, perché quest'anno è cambiato tutto, c'è una filosofia diversa". Tra le cose cambiate, c'è anche il ruolo del turco: "C'è un nuovo allenatore e ho compiti diversi: ho cambiato spesso ruolo nella mia carriera, per fare le cose al meglio bisogna lavorare e serve tempo. Io penso solo a questo, non al mercato come leggo da qualche parte".

Milan, Kessie e Bennacer si candidano. Duarte "studia"
Guarda la gallery
Milan, Kessie e Bennacer si candidano. Duarte "studia"

Esordio a San Siro

Sabato i rossoneri torneranno in campo per la prima davanti al pubblico amico di San Siro contro il Brescia di Corini. L'auspicio di Calhanoglu è di trovare la strada giusta: "Speriamo di fare una buona gara davanti a tanti tifosi. Il ritorno al 4-3-3? Noi facciamo quello che ci chiede il mister con mentalità giusta e positività, ma serve tempo. Anche perché il livello della Serie A è molto alto: dobbiamo guardare partita dopo partita per raggiungere i nostri obiettivi". Il numero 10 rossonero tranquillizza in merito alla situazione Piatek: "A lui manca il gol. Ha cambiato numero, alcuni si sono chiesti perché abbia preso il numero 9, ma lui è un attaccante forte: ci sta non segnare sempre, lavora tanto per la squadra. I nuovi arrivati? Sono bravi ragazzi, hanno il giusto atteggiamento, ma è normale che abbiano bisogno di tempo in un campionato come la Serie A".

Milan, stop alle trattative per Correa
Guarda il video
Milan, stop alle trattative per Correa

Da non perdere





Commenti